REAL AVERSA, RECUPERO TOSTO A MOLFETTA. Tra i pugliesi il miglior trequartista del girone



Strambelli, calciatore della Molfetta (crediti MolfettaViva)

AVERSA – Un match di enorme importanza quello che andrà in scena domani, mercoledì 5 maggio, allo stadio “P. Poli” tra Molfetta e Real Aversa. I padroni di casa si trovano nel bel mezzo della classifica, a quota 38 punti: ben lontani dalla zona play-out così come da quella delle prime cinque, in un limbo che può solo far felici tifosi, calciatori e dirigenza tutta visto l’obiettivo di inizio campionato che prevedeva il mantenimento della categoria. A cercare il colpaccio esterno i normanni del presidente Pellegrino, che dopo i pareggi con Taranto e Lavello ha guadagnato punti preziosissimi in chiave salvezza.

COSA CAMBIA RISPETTO AL MATCH D’ANDATA. Allo stadio “A. Bisceglia” i ragazzi di mister De Stefano diedero vita ad una delle migliori prestazioni del proprio campionato, infliggendo una pesante sconfitta per 4-1 ai pugliesi che erano anche passati in vantaggio dopo appena 5′ di gioco. La Molfetta ha cambiato poco e nulla in termini di rosa rispetto al match del 23 dicembre, e l’unico a non figurare più in quel parco rosa è l’attaccante Mingiano, anche a segno in quella partita, che è passato nel girone A al Derthona. Per il resto nulla da notificare se non l’evoluzione calcistica di alcuni dei migliori calciatori del girone, primo fra tutti l’esperto numero 10 Strambelli che, pur ricoprendo il ruolo di trequartista, ha messo a segno 15 reti ed 8 assist rendendosi uno dei calciatori più coinvolti nelle azioni da goal dell’intero girone: ha messo lo zampino nel  67 percento delle reti biancorosse.



LO STADIO “POLI” L’ASSO NELLA MANICA. A far la differenza come in tante altre occasioni, il Real Aversa e la buona media punti in casa ne sanno qualcosa, potrebbe essere il fatto di giocare fra le mura dell’impianto casalingo: al “Poli” la Molfetta ha totalizzato dodici risultati utili a dispetto dell’unica sconfitta arrivata domenica contro il Fasano per 3-4. Gli uomini di De Stefano approfitteranno della bruciante debacle appena subita per prendere la scia e portare a casa il maggior profitto possibile in termini di risultati?