La Casertana non sfata il tabù Pinto e la vetta si riallontana

A Palumbo risponde Cardazzi. Espulsi Scognamiglio e Branicki



Non è bastato il decimo gol di Palumbo per battere il Sora
Non è bastato il decimo gol di Palumbo per battere il Sora

Giornata piovosa e terreno pesante per la prima casalinga del girone di ritorno della Casertana. Rientra Mastellone (fermo ad Isola Liri per squalifica) nell’undici inziale. Esordio assoluto per l’ultimo arrivato Ruscio, alla prima casalinga Toscano ed Alvino. Rispetto a sette giorni fa panchina per Corsale, P. Esposito e Maresca, e per il convalescente Palumbo, per quanto riguarda i rossoblu.  Per il Sora assente Siano, squalificato.  Panchina per Cardazzi e l’ex falchetto Roncone, torna titolare il capitano Ernesto Terra.

Prima conclusione della gara, ci prova dalla distanza Barone, blocca a terra Longobardi, al 5’ pt. Pericolosa la formazione ospite al 12’ pt con una conclusione di Pastore respinta dal corpo di un rossoblu, la palla giunge a Terra, spintosi in attacco, che da pochi metri invece di calciare a rete prova a servire, inopportunamente, un compagno meglio piazzato. Occasionissima, al 18’ pt, per il Sora. Lancio di Barone a tagliare la difesa rossoblu per l’accorrente Castellano che, ostacolato in area di rigore, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Al 21’ pt su angolo di Bellucci, stacco di Branicki e palla in fondo alla rete ma il direttore di gara fischia un fallo di Di Bacco in attacco e quindi non convalida il gol . La Casertana si fa viva solo al 24’ con un destro da fuori di Toscano, alto. Un calcio da fermo di Ancione, deviato da Iovinella, rischia di beffare Teoli, al 27’ pt.  Longobardi, al 31’ pt para in due tempi un calcio di punizione di Barone. Buona azione dei falchetti al 33’ pt con Toscano che serve a destra Ancione sul cui cross Martone, di testa, impegna Teoli. Si gioca a viso aperto e senza risparmio di energie su un terreno di gioco difficile. Ancora un’occasione d’oro per Branicki, al 42’ pt, che si ritrova la palla sui piedi a pochi metri dalla porta, per fortuna il suo destro è deviato in angolo. Risponde la Casertana con un colpo di testa di Martone, su traversone di Varsi, e palla di poco fuori, al 43’ pt. Finisce sullo zero a zero un primo tempo in cui la Casertana ha rischiato troppo in più di una circostanza. Il pesante terreno di gioco, ovviamente, non favorisce i falchetti che devono attaccare, ma bisogna fare attenzione ai sorani che dopo quattro sconfitte esterne, vorrebbero tornare a casa con qualche punticino e in questi primi 45 minuti di gioco non hanno per nulla sfigurato. La Casertana di oggi ha peso nella zona nevralgica del campo (Ruscio e Toscano) ma per adesso la qualità è in panchina (Corsale).



E come avevamo auspicato, ad inizio ripresa, Di Nola butta nella mischia Raffaele Corsale al posto di un impalpabile Ancione. E’ la Casertana a cercare subito la via del gol con una sgroppata di Varsi, al 6’ st. Il numero sette rossoblu fa tutto da solo e conclude centralmente. In campo Palumbo al posto di uno spento Martone. Al 10’ è bravo Pastore, in area, a liberarsi del diretto avversario e da posizione impossibile calcia debolmente verso Longobardi. Varsi, al 12’ st, raccoglie una corta respinta della difesa bianconera e “spara” alle stelle. Cerca il gol anche con conclusioni dalla distanza la formazione rossoblu, ma senza fortuna. Al 23’ st l’arbitro ammonisce per la seconda volta Scognamiglio (già sanzionato sul finire della prima frazione di gioco) e la Casertana resta in dieci. Alla mezz’ora l’arbitro riequilibra le forze in campo mandando anzitempo negli spogliatoi un nervoso e fischiatissimo Branicki (secondo giallo). Esplode il Pinto al 38’ st. recupera palla Corsale a metà campo e serve in verticale Toscano che, in area, appoggia lateralmente per Palumbo che insacca.

E mentre si continuava a festeggiare ecco che, nel recupero, arriva la doccia fredda. Su un’offensiva del Sora la palla arriva al limite dell’area rossoblu tra i piedi di Cardazzi che libera il sinistro su cui Longobardi ci arriva solo per toccare la palla che poi carambola in rete. Un risultato finale amarissimo per i rossoblu. Il divario dalla vetta della classifica purtroppo si allunga. E’ il primo pari interno per la Casertana così come è il primo punto conquistato dal Sora lontano dal “Tomei”

CASERTANA – SORA 1-1

CASERTANA: Longobardi, Mastellone, Pezzullo, Ruscio, Gargiulo, Scognamiglio, Varsi, Toscano, Martone (dal 7’ st Palumbo), Ancione (dal 1’ st Corsale), Alvino (dal 26’ st P. Esposito). A disp.: Sestile, P. Esposito, Martucci, Maresca, Corsale, G. Esposito, Palumbo. All.: Di Nola.

SORA: Teoli, Berardi (dal 41’ st Cardazzi), Di Bacco, Terra, Iovinella, Bellucci, Castellano (dal 41’ st Coluccia), Barone, Pastore, Branicki, Lucchese. A disp.: Roncone, Bianciardi, Cirelli, Fontana, Cardazzi, Simoncelli, Coluccia. All.: Castellucci.

ARBITRO: L. Cassarà di Cuneo. Assistenti: Cappiello di Matera e Catalano di Rossano

MARCATORI: Palumbo al 38’ st, Cardazzi al 48′ st

NOTE: espulsi Scognamiglio al 23’ st e Branicki al 30’ st per somma di ammonizioni; spettatori 500 circa; angoli 3  a 3 per la Casertana; ammoniti Martone, Varsi, Berardi, Mastellone, Scognamiglio, Branicki, Palumbo, Pastore, Cardazzi, Corsale; rec.: 0’ pt – 4’ st


P