RAMMARICO GLADIATOR. Martino: “È davvero un peccato, meritavamo la vittoria. Muravera? Non volevamo regali, mi auguro che fino alla fine…



Mister Martino (Foto Davide Gallo)

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Enorme il rammarico del Gladiator per la vittoria sfumata contro il Muravera. Il pari a reti inviolate contro i sardi è il risultato delle numerose chance divorate, su tutte il rigore fallito da Di Pietro, come evidenzia il trainer sammaritano Alessio Martino: “È davvero un peccato. È mancato solo il goal in una gara in cui abbiamo impattato bene ed abbiamo offerto buone trame di gioco per larghi tratti del match. Le prestazioni positive non bastano, meritavamo la vittoria perché abbiamo creato ed abbiamo giocato nella metà campo con un discreto possesso palla. Quando crei otto, dieci occasioni da goal e non segni, è un problema: sintomo di una squadra in salute ma è mancato il goal che la cosa più importante nel calcio. Poi c’è l’episodio del rigore ma può capitare a tutti di sbagliare, del resto li ha falliti anche Maradona. Questa non deve essere una scusante”.

L’AUGURIO. Il trainer ex Gelbison ed Eclanese si sofferma sulla prestazione della squadra avversaria: “Di fronte avevamo una squadra come il Muravera a cui mancano pochi punti per la salvezza. Non volevamo regali, di fatti avevo detto ai ragazzi che gli avversari non si sarebbero ‘scansati’. Ci auguriamo che fino alla fine tutte le squadre mostrino lo stesso atteggiamento dei sardi, per la correttezza del campionato”.



FIDUCIOSO. Infine Martino conclude sulla performance: “Anche se è più facile essere negativi, bisogna essere fiduciosi, consapevoli che attraverso queste prestazioni la squadra gioca e lotta. Anche se è più facile distruggere che costruire, io sono positivo. L’unica ricetta è quella del gioco, lo continueremo a proporre con l’obiettivo della salvezza e stiamo cercando tutti di andare verso quella direzione“.