RIPARTENZA DELL’ECCELLENZA. I dubbi e le domande del segretario del Marcianise Marocco



Il segretario Francesco Marocco

MARCIANISE – Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata dal segretario del Marcianise Francesco Marocco, che si pone diverse domanda sulla ripartenza dell’Eccellenza.

Ho potuto apprendere che la LND, nella propria riunione, abbia presentato una proposta alla F.I.G.C. Nazionale, di riconosce il campionato di Eccellenza come campionato nazionale. Mi pongo una domanda tra me e me e non trovo risposta, ed è questa: come vengono fatti gli abbinamenti? Bisogna anche fare le Juniores Nazionali? E le società sono pronte ad affrontare economicamente tutto ciò?
Alla riunione dei presidenti la maggior parte ha espresso la volontà di non partire come ho ben letto anche da un articolo di giornale.
Secondo la mia opinione sulla proposta è quella che prima di fare tutto ciò, bisogna convocare un’ulteriore riunione dei presidenti e chiedere a loro se sono pronti e se la sentono di affrontare una situazione del genere, in quanto economicamente inciderebbe notevolmente nelle casse di tutte le società.
E nella riunione, bisognerebbe dare lettura delle condizioni, regolamenti da rispettare, quali sono gli stessi che vengono adottati per la serie D? Oppure viene fatto un nuovo regolamento? Se avviene ciò bisognerebbe in questo caso convocare una Assemblea generale e dove vengono dettate le condizioni e viene votato.
Non si può fare una proposta e pretendere di far continuare un campionato che oggi è Regionale domani ce lo ritroviamo Nazionale senza conoscere le condizioni quali sono per affrontarlo.
Quindi se si vince il campionato di Eccellenza Nazionale, e il girone sarebbe come quelli della serie D, a questo punto una società farebbe due campionati Nazionali Dilettanti?
Ci sono molte domande che ancora noi società non abbiamo risposta.
La mia non è una polemica, anzi ben vengano le innovazioni nel mondo del calcio, ma bisognerebbe strutturarlo prima e poi rendere edotte le società così che almeno abbiano una idea delle condizioni e anche il budget adatto per affrontare una competizione così importante.
Gli Organi della LND si sono posti anche il problema strutture sportive che deve ospitare i Campionati Nazionali?
E le strutture sono pronte ad ospitare eventi di notevole importanza per rispettare i requisiti per il rispetto delle normative Covid-19?
Secondo me, oggi il calcio dilettante deve prima adottare un protocollo comune che sia rispettato e, che vengano rese edotte tutte le società prima di far iniziare campionato trasformandolo da campionato Regionale a Nazionale.
Spero che, si ricominci a Settembre il campionato così che tutte le società hanno i tempi di organizzarsi e che siano consapevole maggiormente dei costì di affrontare una notevole e importante competizione“.