Lo Spartacus cade in trasferta contro l’Hydra



La meta dello Spartacus ad opera di Musone

Niente da fare per lo Spartacus a Battipaglia contro l’Hydra Rugby. I padroni di casa si impongono nel settimo turno del girone B di Serie C per 39-5 (6-1 le mete) sui casertani, che non giocano con continuità da dagli inizi di novembre, praticamente. Ma l’alibi serve a poco: l’Hydra ha meritato la vittoria. Restano sul piatto delle decisioni dubbie del direttore di gara che hanno penalizzato in più di una situazione i gladiatori ribelli e che hanno portato ad un giallo per Delle Femine, fermato per un vantaggio mentre si involava verso la meta e da lì la protesta e poi all’espulsione del direttore tecnico Paolisso sul finale di gara. L’Hydra ci mette di più fin da subito e al 30’ si è sul 17-0. Sul finire del primo tempo, lo scatto d’orgoglio dello Spartacus con la meta di capitan Musone. La trasformazione di Zagolin data per buona dai guardalinee è considerata fuori dall’arbitro e quindi il punteggio si fissa sul 17-5. Nella ripresa al 45’ marca la terza meta l’Hydra, con Musone che lascia il campo per infortunio. La segnatura non è convertita (22-5). Cinque minuti più tardi arriva la meta del bonus per i battipagliesi, non trasformata, per il 27-5. Poi il giallo a Daniele Delle Femine, di cui sopra, e subito dopo la meta numero 5 per l’Hydra, che poi diventano 6 nel finale di gara con il punteggio fissato definitivamente sul 39-5. Per i ragazzi di mister Lucia c’è ancora da lavorare per garantirsi più calme e concentrazione nei momenti topici delle gare. Finisce così, sulla carta, il girone di andata, in quanto lo Spartacus ha da recuperare ancora 2 match e prima della pausa natalizia la gara con l’Avellino, prima di ritorno sperando in un risultato positivo.

UFFICIO STAMPA SPARTACUS RUGBY SOCIAL CLUB