Dal tormentone “Ma quant’è bello Gennaro Troianiello” alle cinque promozioni in Serie A, alla scoperta del nuovo colpo del Gladiator

Gennaro Troianiello (foto Corriere dello Sport)

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Si è propagata a macchia d’olio la notizia dell’acquisto di Gennaro Troianiello da parte del Gladiator. Il calciatore napoletano del quartiere Montesanto non passa inosservato per il suo carattere istrionico e simpatico e per un curriculum di tutto rispetto che lo ha portato a vincere ben otto campionati.

I SUCCESSI. L’esterno offensivo classe ’83 vince i primi tre campionati nel calcio minore. A soli diciotto anni spinge alla promozione dall’Eccellenza alla Serie D il Calangianus nel 2001/2002, poi due promozioni consecutive dall’Eccellenza alla Serie C2 con la Nuorese tra il 2004 ed il 2006. Esordisce in Serie B con il Frosinone nel 2007 e da lì vince cinque campionati cadetti con il Siena nel 2010/2011, il Sassuolo nel 2012/2013 con Eusebio Di Francesco, il Palermo nel 2014/2015 con Paulo Dybala, il Bologna nel 2014/2015 e l’Hellas Verona nel 2016/2017. Un amuleto in Serie B che però non ha mai esordito nella massima serie e che avrebbe meritato, con l’unica mezza stagione vissuta a Siena da settembre 2011 fino al gennaio 2012.

IL TORMENTONE. Oltre 120 goal e 450 presenze in carriera in tutte le categorie per un calciatore che è salito agli onori delle cronache per il tormentone “Ma quanto è bello Gennaro Troianiello” nato nella stagione 2009/2010 ai tempi del Frosinone e poi propagato in ogni altra piazza, con quel suo carattere autoironico che ha lasciato il segno dappertutto insieme alle sue vittorie ed ai tanti video divertenti. Ed ora a 36 anni inizia l’avventura con il Gladiator, con il debutto che potrebbe avvenire domani con il match contro il Francavilla, in programma alle 15 allo stadio “Mario Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere. Una partita che i neroazzurri necessitano di vincere, e con un Troianiello in più tutto è possibile.

Carlo Petrani