Nardò prende a schiaffi Caserta e la stagione bianconera è già finita. Fallito il traguardo A2

Hassan in azione contro Nardò (foto Gianfranco Carozza)

Si spengono le speranze di promozione della Decò Caserta: i play off si concludono contro la Frata Nardò, formazione che sulla carta non avrebbe dovuto creare alcun tipo di problema ai bianconeri e che invece è riuscita a vincere anche al Palamaggiò conquistando il passaggio di turno. Per Caserta c’è solo Dip, qualcosina Ciribeni e poi il vuoto. Prestazione da dimenticare dalla lunga distanza (3/27) e gara che ha visto praticamente sempre avanti Nardò dal secondo all’ultimo quarto. Hassan ha provato a fare qualcosa, ma la condizione non era ottimale e si è visto. Cala il sipario su una stagione che ha regalato qualche gioia ma soprattutto una immensa delusione finale.

PRIMO QUARTO. Primi minuti di studio poi ci pensa Ciribeni a lanciare la Decò con 2 bombe di fila che portano la sfida sul 10-6. Che con Petrucci e Dip diventa 14-6. La Frata Nardò sembra stordita, ma resta in partita. Dip con un gioco da 3 (canestro più fallo) regala ai bianconeri il +11 (19-8). Drigo da 3, poi Bjelic, quindi Zampolli e per chiudere Fiorenzano da 3 e Zampolli da 2 piazzano un break di 12 punti che ammutolisce il Palamaggiò: Nardò va avanti 19-20. Si va quindi punto a punto fino al 23-21 di Dip sulla sirena.

SECONDO QUARTO. Apre subito la bomba di Ingrosso per il nuovo sorpasso pugliese (23-24). Punto a punto fino alla nuova tripla di Zampolli che spinge Nardò sul 25-29. Drigo e soprattutto Razzi dalla lunga distanza creano il divario tra le 2 squadre (28-35). Altra bomba di Zampolli e gli ospiti calano il +10 (28-38). Dip e Ciribeni (2 tiri liberi e un canestro) riescono a riportare sotto la Decò (34-38). Ma Provenzano sull’ultimo possesso riesce a trovare Provenzano nell’angolo per la tripla del nuovo allungo. Si torna negli spogliatoi col tiro sbagliato di Ciribeni e col tabellone che dice 34-41.

TERZO QUARTO. Hassan realizza il suo primo canestro dopo 22 minuti quando il risultato dice 38-46. Dip e 3 tiri liberi a segno di Sergio portano la Decò Caserta nuovamente a ridosso degli avversari, e cioè 43-46. Ingrosso da 3 rimanda indietro i ragazzi di coach Oldoini ma è capitan Sergio a caricarsi la squadra sulle spalle e dalla lunetta è impeccabile: il Palamaggiò accompagna la rimonta, è 47-49. Entrambe le squadre in bonus falli già al 27’. Dip da solo (11/12 da 2) fa 23 punti in 27 minuti di partita e tiene a galla i suoi (49-51). Drigo fa un gioco da 3, poi Ciribeni fa 1/2 dalla lunetta e Nardò torna avanti di 4 (50-54). Ingrosso ad un secondo dalla sirena trova il canestro del +6. Caserta ha bisogno di un’impresa nell’ultimo quarto.

ULTIMO QUARTO. Apre Bottioni ma Fiorenzano ci mette una firma pesantissima da 3 (52-59). A 5 minuti dalla fine della gara Caserta addirittura ha 10 punti da rimontare agli avversari pugliesi (55-65). Hassan prova a dire la sua nonostante le condizioni fisiche non proprio ottimali e riesce a piazzare un buon break fino al -4 (65-69). Entrambe le squadre in bonus falli, si gioca solo dalle lunette. Ma non sbaglia nessuno. E a un minuto e 27 secondi dalla fine Nardò è ancora avanti di 6 (67-73). Dopo il time-out ecco la bomba che fa esplodere il Palamaggiò: Sergio da lontano fa 70-73 e riapre clamorosamente la gara. Fallo su Zampolli: 2 tiri liberi ma non fa tremare il braccio. E’ 70-75. Poi in lunetta ci va anche Hassan ma fa 0/2 e quindi si spengono i riflettori del Palamaggiò. Time-out di Nardò e al rientro in campo Caserta ci prova soprattutto da lontano ma senza fortuna. Finisce così, 70-75.