Nazzaro avverte il Montesarchio: “Il Villa Literno è la peggior squadra che potevamo affrontare. Soddisfatti del campionato ma nei play-off…

Nunzio Nazzaro

MONTESARCHIO – E’ giunto il giorno della sfida tra Montesarchio e Villa Literno, sfida valevole per il primo turno dei play-off del girone A di Promozione. Alle 16.30 appuntamento allo stadio “Pignatelli” di San Martino Valle Caudina che il primo atto di un percorso che permette a chi arriva fino in fondo di giocarsi la possibilità di accedere in Eccellenza.

Massima concentrazione per la sfida da parte del vicepresidente sannita Nunzio Nazzaro che traccia un bilancio della stagione: “Con tutta sincerità, inizialmente non eravamo sicuri che potessimo disputare un campionato così entusiasmante, quindi siamo contenti di aver chiuso al secondo in classifica. Il Montesarchio mancava da tanti anni dal girone A di Promozione, quindi non conoscevamo le casertane e le napoletane. In estate preparammo la squadra, con l’obiettivo di raggiungere quanto prima la salvezza. Ma come si dice “mangiando viene l’appetito”, automaticamente si siamo ritrovati al mese di dicembre in ottima forma, giocando contro chiunque a viso aperto. Abbiamo fatto qualcosa di eccezionale”.

La figura di rilievo non si aspettava un tale campionato: “Era da folli pensare come primo anno di arrivare ad un passo dal primo posto. Non conoscendo le squadre, comunque già sapevamo che Marcianise, Casalnuovo e Villa Literno erano delle corazzate. Sicuramente qualcosa è cambiato, perché queste squadre non sono riuscite a dare la giusta continuità di risultati. Anche il Vitulazio, Virtus Goti, Forza e Coraggio sono squadra attrezzate, infatti questo campionato ci ha riservato tantissime sorprese e siamo stati bravi a sfruttarle al meglio. Faccio i complimenti all’allenatore Antonio Iuliano ed allo staff. Siamo consapevoli di giocarci un posto play-off in casa, con una rosa giovane e con un po’ di inesperienza. E’ logico che abbiamo qualche vantaggio in più per il fattore campo ed i due risultati su tre”.

Presidente per tanti anni, dal 2009 fino alla scorsa estate, quando ha lasciato l’incarico di presidente all’amico Tommaso D’Ambrosio, Nunzio Nazzaro è amante sfegatato del Montesarchio. Ha salvato il club quando stava per fallire in Prima Categoria, ha vinto il campionato, poi due anni di Promozione. Ha perso due volte le finali play-off contro Nerostellati Frattese e Sporting Guardia, poi al terzo anno vittoria e salto in Eccellenza. Per problemi di campo, con l’Allegretto che tornerà disponibile nei prossimi mesi per le Universiardi, negli anni scorsi ha chiesto di prendere un titolo di categoria minore per non far fallire una piazza storica e così è tornato in Promozione, dopo aver vinto nuovamente la Prima Categoria.

Per Nazzaro il Villa Literno è un osso duro: “Premettiamo che rispetto al girone d’andata, il team liternese ha cambiato qualcosina. Hanno perso giocatori importanti come Aliperta, Guadagno e Basso, ma è rimasta l’ossatura. E’ la peggiore squadra che potevamo affrontare. Non per fare la vittima, ma come quinta è molto difficile. Premettiamo poi che le partite di campionato non sono quelle di play-off. C’è un leggero favore ma sono dieci anni da quando ho rilevato questa società ed ho giocato tanti play-off: sono partite a parte. Si azzera tutto. In campionato vincemmo 3-2 in casa mentre in trasferta 2-2 anche se nel secondo tempo meritavamo qualcosa in più: si dice del nostro goal fantasma ma non ricordo. Ora si gioca sui 120 minuti. Non dobbiamo pensare che abbiamo vinto”.