Codere Volalto a tutto gas: travolto anche il Sabaudia



La gioia delle casertane a fine gara

E la nave va, cantava madame Butterfly nell’attesa di rivedere il suo amato Pinkerton. Anche il galeone casertano,. l’invincibile armada rosanera,  sicura e fiera dimentica del peso e dei pericoli che i nuovi mari nascondono . Pure Sabaudia deve arrendersi alle all pinks/blacks. Una partita senza storia, un successo mai in discussione tanto netto è stato il divari tecnico tra le due formazioni. Una danza perfetta dove  le undici rosanero diventano un’unica inossidabile potenza. E’ una haka meno brutale, ma decisamente più dolce e femminile. Identico il risultato. La Volalto asfalta tutte le avversarie che si trova di fronte. Non fa eccezione il Sabaudia battuto 3-0. Salgono così a sei le vittorie consecutive delle rosanero, 24 considerando anche lo scorso torneo, Codere sempre più sola in vetta alla classifica. Per adesso va bene così.

Primo set



A senso unico il primo parziale. Dopo le scaramuccie iniziali, le  casertane prendono il largo. Il muro laziale non sembra avere forza a sufficienza per reggere l’urto della Codere.  (8-2). Coach Casalvieri chiama time out. Dalla  sospensione, però, le laziali non escono benissimo. Il loro attacco non brilla di certo per le alte percentuali, mentre alla Codere riesce tutto. Fattaccio griffa il 15-6. Il muro di Boteva e Ricciardi rimanda le squadre alla sospensione. Armonia di banda da il più dieci alle sue(19-9). Il resto del set è pura accademia. 25-11.

 

Secondo set

Stessa orchestra e stessa musica anche nel secondo parziale. La melodia delle rosanero incanta il folto pubblico presente al palazzo, ma, come le sirene di Ulisse, stordisce le rivali. Un pallonetto di Boteva manda le due formazioni al primo time out tecnico.(8-3). La partita è a senso unico, anche se il Sabaudia, soprattutto con la Di Cecca, prova a cambiarne la direzione. Boteva e Fattaccio sono, però, vigili inflessibili ed impongono l’alt. (13-6) Oramai è show time. Sul palco le rosanero sono attrici impeccabili. Non sbagliano una battuta, un tempo, una entrata. Il pubblico gradisce.(16-7). Fattaccio è un tornado. Le sue schiacciate spazzano via ogni timida speranza di rimonta delle laziali che così cedono anche il secondo set. 25-14

 

Terzo set

Approfittando di un prevedibile calo di tensione delle padrone di casa, il Sabaudia riesce a costruirsi un incoraggiante inizio di set. 3-6 prima e 4-8 poi. La prova, l’ennesima che non bisogna mai abbassare la guardia. Monfreda chiama time out. Adesso è partita vera .Le laziali giocano meglio, soprattutto in attacco. Caserta ha il suo bel da fare per non farle scappare. (9-12) Crotti fa punto direttamente in battuta e la Volalto impatta.(14-14).  Si gioca punto a punto. Di Cecca e compagne lasciano negli spogliatoi ogni timore  e rimangono in scia delle rivali(19-18). Caserta ha fretta, accellera. Armonia firma un importante allungo. (21-18). Sabaudia prova di nuovo a ricucire, ma l’ennesimo muro vincente della  Crotti spegne definitivamente ogni sua speranza. Fattaccio metta la firma in calce alla contesa. 25-19  

Tutti a casa. La nave rosanero riparte alla conquista di nuovi porti. Direzione Catania, dove l’attende la più che ostica Tremestieri.