ASSOLUTI NUOTO. Le gemelle Cesarano prima e seconda nei 400 stile, la Crispino è argento dei 200 farfalla



Primi due gradini del podio per le gemelle Cesarano

Risultati straordinari per le nuotatrici casertane impegnate agli Assooluti estivi di nuoto di Ostia. Grandissima doppietta delle ‘swim twins’ casertane Antonietta e Noemi Cesarano nei 400 stile libero femminili. Per le gemelle i primi due gradini del podio: prima e seconda e migliorando i rispettivi personali. Tonia, infatti, ha toccato la piastra fermando il crono sul 4’09″52 (una ventina di centesimi in meno rispetto al suo passato personal best), mentre Noemi ha chiuso con 4’10″47, addirittura di 4 decimi inferiore. Sul terzo gradino del podio e più staccata, Linda Caponi (GS Carabinieri, classe 1998), che di risultati importanti a livello internazionale giovanile ne ha avuti parecchi. Per le diciannovenni tesserate Assonuoto/Time Limit, allenate da Andrea Sabino, ancora un podio importante ai campionati tricolore dopo il secondo e il terzo posto nei 200 stile libero di due giorni fa ed altra soddisfazione per il nuoto casertano. Tonia, poi, di diritto parteciperà agli Europei di Roma di Agosto, sui 400 stile. Con un abbassamento del personale si può puntare almeno alla semifinale. Noi tifiamo per lei, anzi per loro.

Le ‘swim twins’ casertane ai microfoni della Rai

Ma non ci sono soltanto le gemelle Cesarano a portare in alto il nome di Terra di Lavoro in vasca, ma anche Antonella Crispino. ‘La Valchiria è tornata’, esultano dall’Assonuoto. La matesina, che concorre anche per l’Esercito, ha ottenuto un meraviglioso argento nei 200 farfalla, alle spalle della pluricampionessa italiana Ilaria Cusinato (Fiamme Oro), in un testa a testa fino al tocco in cui la spuntata per 16 centesimi (un nulla) la Cusinato. I tempi: per la vincitrice 2’10’14, per la Crispino, invece, il crono di 2’10″30. Tornata a gareggiare, dunque, ad altissimi livelli l’altra grande promessa (che oramai è realtà) del nuoto nostrano che ha scelto anche il gruppo militare per una maggior sicurezza e costanza nella vita da atleta. Il tempo della Crispino le dà il diritto di partecipare con gli azzurri agli Europei capitolini agostani. “Daje”, ci verrebbe da dire in romanesco.



Il frame del podio della Crispino

P