BRACCIO DI FERRO COL COMUNE. La Maddalonese costretta a salutare il ‘Cappuccini’. Ecco dove giocheranno i granata



Lo stadio di Arienzo

In attesa di conoscere il nome del nuovo allenatore della Maddalonese e dei programmi per la stagione 2022-2023, arriva la prima certezza da casa granata. La compagine del presidente Verdicchio non disputerà le gare interne al ‘Cappuccini’. Decisione inevitabile dopo il lungo braccio di ferro col Comune che non muoverà un dito per sistemare il manto erboso e la struttura. E dal momento che non se ne parla neanche di programmare la costruzione del nuovo impianto di gioco, la Maddalonese toglie il ‘disturbo’. Accordo raggiunto con il Comune di Arienzo che accoglierà le partite interne di Barletta e soci. Decisione inevitabile perchè l’Amministrazione oltre a far finta di non sentire ha deciso di alzare un muro e allora, pur di non far morire il calcio in città, la famiglia Verdicchio e tutto lo staff dirigenziale, hanno deciso di spostarsi a 11 km di distanza. La squadra si allenerà nel vetusto stadio solo durante la settimana. Sicuramente ci saranno tanti confort di quello che è un vero e proprio stadio.