Gli Ultras Maddaloni in dissenso: “Delusi dalla stagione. Alcuni calciatori non all’altezza della Maddalonese e dell’Eccellenza”



L’esultanza della Maddalonese

MADDALONI – A stagione conclusa gli Ultras Maddaloni 1919 esprimono il proprio parere sulla stagione, con tante critiche nei confronti del progetto. Secondo i fedelissimi sostenitori calatini si salvano solo due figure, mentre molto altro non è stato all’altezza.

COMUNICATO STAMPA



La salvezza raggiunta nell’ultima giornata di campionato non ci permette di fare gli stessi salti di gioia che stiamo vedendo in alcuni tesserati come se avessero compiuto un’impresa stellare. Una salvezza ottenuta al fotofinish e soprattutto più per demeriti degli altri che per meriti nostri. Almeno abbiamo risparmiato l’umiliazione dei play-out che abbiamo seriamente rischiato di disputare. È stata una stagione che non ci ha convinto e l’andamento altalenante e molto discutibile ha fatto spegnere tanta passione all’interno di un gruppo che ha sempre cercato di sostenere la squadra in casa e in trasferta.

Nelle ultime giornate anche la maggior parte di noi ha mollato perché la delusione è stata altissima. La società aveva promesso una stagione più tranquilla con vista sui play-off e soprattutto si sperava in un mercato totalmente diverso, specie per quello autunnale dove le squadre si rinforzano e non si indeboliscono. Abbiamo visto calciatori non all’altezza della maglia della Maddalonese ma soprattutto improponibili in un campionato come l’Eccellenza dove la qualità sale di parecchio. Abbiamo assistito a tante prestazione deludenti e soprattutto non abbiamo assistito alla costruzione di progetto valido per il futuro.

Ci sentiamo di salvare solo due persone: il presidente Maurizio Verdicchio, che sta compiendo sacrifici mostruosi e non sempre ripagati per permettere alla città di Maddaloni di avere una squadra in un campionato importante, e il mister Angelo Valerio, che tra mille difficoltà e qualche responsabilità ha saputo tenere a galla una barca che rischiava di affondare. Per il futuro ci aspettiamo qualcosa di meglio in grado di riaccendere gli entusiasmi e soprattutto una programmazione degna di questo nome e non basata sull’improvvisazione. Nella Maddalonese del nuovo campionato, inoltre, ci piacerebbe vedere coinvolte figure professionali e competenti, alcune delle quali già presenti all’interno della società ma che meriterebbero maggiore voce in capitolo.