IL CELLOLE SI PRENDE IL DERBY. Il presidente Freda: “Partita emozionante e corretta”



Angelo Freda

Al termine del derby aurunco vinto per 2-3 dal Cellole allo stadio “Prassino” di Sessa Aurunca contro la Sessana la nostra redazione ha intercettato il presidente del sodalizio rossoblu Angelo Freda, raggiante per la vittoria dei suoi in trasferta.

RIPRESA DEL CAMPIONATO. “Vorrei partire da questa situazione del Covid-19 che stiamo attraversando ci ha portato a dover sospendere per un periodo le attività. In prima persona dopo un’ordinanza del sindaco mi sono assicurato che le attività ripartissero nella massima sicurezza facendo sanificare gli ambienti dello stadio. Da presidente sono il primo responsabile della salute di staff e atleti che lavorano con noi”.



IL MATCH. “La partita di ieri è stata piena di emozioni. Ci siamo arrivati con soli 10 giorni di allenamento nelle gambe e con gli sfavori del pronostico. La nostra forza però è stata quella di aver trasmesso tranquillità a tutto l’ambiente e a far restare sereni i calciatori. In campo si sono viste due squadre che si sono affrontate senza esclusioni di colpi, ma credo che soprattutto nella prima parte di gioco si sia visto una netta supremazia da parte nostra. Dopo essere andati avanti 2-0 con Bosco e Quintigliano abbiamo provato a chiuderla senza però riuscire a trovare la terza rete. Nel secondo tempo abbiamo subito un un ritorno della Sessana che ha agguantato il pari  dopo aver dimezzato le distanze su rigore. La bravura del Cellole però è stata quella di non aver perso la quadra e aver saputo reagire. Questo è stato merito dei giocatori e anche dei cambi operati da mister Cimino che a Sessa Aurunca ha schierato tre attaccanti in campo giocandosi la partita senza remore. La ciliegina sulla torta l’ha messa Palumbo al 90′ che ci ha fatto esultare di gioia. Molto bene anche il nostro portiere Colino e i subentrati in campo che hanno dato il massimo. Abbiamo chiuso il match con quattro under in campo che credo sia una bella soddisfazione”.

DERBY CORRETTO. “La partita è stata seguita da un buon numero di spettatori che hanno tifato in maniera impeccabile ognuna per i propri colori. Ricevere i complimenti degli addetti ai lavori di tante piazze, dalla Sessana stessa e da tanti esperti di calcio ci inorgoglisce. Quello che voglio sottolineare però è stata la bella accoglienza della società di casa e la correttezza in campo e fuori che ha caratterizzato questa partita. In questo io e il caro presidente Francesco Orabona abbiamo dato un segnale di svolta in questi ultimi tre anni”.

LO STADIO. “Con i lavori di intonaco estermp e di ristrutturazione interna agli spogliatoi già fatti, la posa del campo sintetico che avverrà e la seggiolatura della tribuna, credo che il “Montecuollo” diventerà uno stadio davvero bellissimo. Ringrazio il sindaco Di Leone e l’assessore al ramo sport D’Onofrio con il vicesindaco Iovino per l’impegno che stanno mettendo in questa cosa”.

LE AMBIZIONI. “Il Cellone non si pone limiti! Posso soltanto dire che con l’organico al completo questa squadra può giocarsela con tutti. Ad oggi ci mancano 5 punti persi per strada per causa di forza maggiore che vogliamo assolutamente recuperare per colmare il gap con chi ci precede”.