CASERTANA CHIAMATA ALLA REAZIONE. Maiuri: “Serve voglia di vincere. Casarano? Abbiamo assenti ma mi aspetto…



Mister Maiuri

CASERTA – La Casertana ritrova il campo dopo il triplo pari con Fasano, Team Altamura e Bisceglie. Assenti gli indisponibili Vicente, Sambou e Sansone nella delicata sfida contro il Casarano, allenata dall’ex difensore rossoblu Matias Calabuig. I salentini al momento sono primi grazie alle tre vittorie ed al solo tonfo interno contro il Bisceglie, per cui venderanno cara la pelle.

IL CICLO DI PARTITE. Nella conferenza stampa pre-partita Vincenzo Maiuri sprona i suoi, come rilasciato ai colleghi di TuttoCasertana, in virtù del match delle 15 al Pinto: “Adesso ci sarà questo ciclo di partite, ma pensiamo a quella di domani, difficile per noi e per loro. Servirà una Casertana di livello perché arriva una squadra di valore. Guardo sempre la classifica, siamo all’inizio. Fondamentale stare lì e trovare situazioni di crescita. In settimana poco lavoro tattico. Siamo tutti lì, potevamo avere dei punti in più. Importante non mettere le partite in salita. Mi aspetto una grande prestazione“.



GLI INDISPONIBILI. L’allenatore torna sul pari di Bisceglie e parla degli assenti: “Sono stati primi tempi diversi dai secondi. Squadra meno brillante. Mercoledì in ritardo sulle seconde palle. Nel secondo tempo la musica è cambiata e la squadra ha fatto meglio. Bisogna migliorare su questo aspetto. Sansone ha avuto un problema dovuto a un ritardo di condizione e sarà out, Favetta vediamo se sarà possibile qualche cambio in base agli attaccanti a disposizione”.

OPERAZIONE RISCATTO. Maiuri studia le soluzioni per capitalizzare l’operazione riscatto e fermare una delle tre capoliste insieme a Francavilla e Gravina: “Casarano squadra di qualità, da affrontare con determinazione, squadra di palleggio ma con difetti. Bisogna avere voglia di vincere. E ciò conta per affrontare la gara in modo diverso. La squadra ha palesato anche aspetti positivi. Mettere le gare in salita porta a un maggiore dispendio di energie. Ho visto gente andare oltre i limiti e bisogna essere contenti. Poi bisogna crescere anche sul piano del gioco. A me piacerebbe abbinare risultato e gioco. Bisogna essere pratici e cinici. Settimana prossima utile per lavorare bene. Possibile vedere Liccardi e Favetta davanti. Una volta che avremo un sistema di gioco consolidato, proveremo altre soluzioni”.