IL MATESE ‘BAILA’ TANGO ARGENTINO. Un attaccante ex Casertana e Taranto pazza idea con El Ouazni



L’esultanza di Alfageme (Foto Giuseppe Scialla)

PIEDIMONTE MATESE – Da un Luis ad un altro, da un puntero argentino ad un altro: la bandiera albiceleste ammalia ancora il Matese. Dopo l’ottima stagione di Luis Fabian Galesio, la compagine del presidente Luigi Rega è affascinata da una pazza idea. Secondo i rumors, Luis Maria Alfageme stuzzica i Lupi che sono al lavoro per rinforzare l’attacco della rosa di Corrado Urbano

LA COPPIA. Dopo la coppia Galesio-Abreu, il direttore sportivo Raffaele Corsale sta lavorando su più fronti, con l’obiettivo di regalare due attaccanti di peso. Come anticipato nei giorni scorsi, Badr Eddin El Ouazni è il sogno nel cassetto (CLICCA QUI PER LEGGERE) ed al suo fianco Alfageme potrebbe formare un tandem di grande spessore. Di certo si tratta di due attaccanti che non guadagnano poco, ma tali trattative di mercato potrebbero essere concretizzate in virtù dell’irrobustimento societario, con il connubio vicino alla definizione tra Rega ed il gruppo S.E.R.I di Vittorio Civitillo che garantirebbe nuove risorse economiche.



LA CARRIERA. Argentino classe ’84 di La Pampa, Alfageme è cresciuto nel Boca Juniors e poi è arrivato in Italia al Brescia. Fisico statuario, che fa a sportellate con gli avversari mentre spinge palla al piede, in carriera ha collezionato 128 presenze in Serie B con Brescia, Grosseto e Ternana, mentre 228 le apparizioni in Serie C con Benevento, Pescara, Sambenedettese, Acireale, Padova e Cremonese: 63 i goal nel palmares per un attaccante atipico. In provincia di Caserta è già conosciuto infatti ha vestito la maglia della Casertana per tre stagioni, tra il 2015 ed il 2019 (all’interno del quadriennio ha vissuto una stagione al Padova). 71 presenze e 21 goal sono i numeri della sua avventura all’ombra della Reggia, tra le migliori della sua carriera. Alfageme si è talmente legato a Caserta che tutt’ora vive in città: un tassello non da poco che potrebbe contribuire al buon esito della negoziazione.

IL TANGO. Nelle ultime due stagioni è sceso in Serie D con Avellino e Taranto, conquistando due promozioni nel professionismo, a dimostrazione che, nonostante l’età, resta sempre decisivo. Il team di Rega è rimasto folgorato dalle sue abilità e vorrebbe riportare in provincia di Caserta un nuovo puntero argentino, pronto a far ‘bailare” il tango ai piedi del Matese.