GLADIATOR, NON SI PUÒ PIÙ SBAGLIARE. Sette gare decisive per la salvezza, con la Torres vincere a tutti i costi



La festa del Gladiator

SANTA MARIA CAPUA VETERE – È giunta l’ora della verità per il Gladiator. Da domani fino al 13 giugno, i neroazzurri si giocheranno tutte le proprie chance salvezza nelle ultime sette giornate di campionato. La Torres sarà la prima avversaria, domani alle 14.30 allo stadio “Mario Piccirillo”, in quello che è un vero e proprio scontro salvezza tra due compagini che hanno gli stessi punti (23), la stessa posizione di classifica (la penultima), gli stessi goal subiti (39) ed un solo goal fatto di differenza (23 il Gladiator, 22 la Torres). Per il computo dei risultati, i neroazzurri hanno totalizzato meno vittorie (4, i sammaritani sono la squadra che ha vinto di meno insieme al Giugliano) ma hanno perso in numero minore rispetto alla Torres che ha ottenuto 5 vittorie ma più pareggi (8). Questi sono i numeri ma domani conta solo vincere.

IL RUSH FINALE. Il rammarico per i due punti buttati al vento contro il Muravera deve trasformarsi in voglia di uscire con l’intero bottino dall’impianto di casa. Oltre a domani, Di Pietro & soci dovranno trarre il massimo dalle altre due sfide casalinghe contro Nuova Florida e Latte Dolce, mentre in trasferta dovranno battagliare per conquistare punti fondamentali a Nola ed a Giugliano, duelli salvezza che valgono tanto. Delle sette gare finali la sfida più complicata è quella contro la Vis Artena terza in classifica, mentre con il Cassino all’ultima giornata la possibilità è di affrontare una squadra che dovrebbe già essere salva e quindi senza troppi stimoli. Ma prima di allora, i neroazzurri devono sconfiggere diverse avversarie in partite che valgono più di una vittoria, perché si sottraggono punti alle rivali. Su sette gare, ben cinque sono scontri salvezza ed adesso il Gladiator non più fallire per puntare alla permanenza in Serie D. È giunta l’ora dei gladiatori.