CIAO GABRIELE. Sui social il calcio campano piange un uomo dal sorriso solare



SESSA AURUNCA – Ieri pomeriggio è volato via in cielo Gabriele Viscusi, storico fisioterapista della frazione di San Castrese di Sessa Aurunca. Dopo una battaglia lunga due mesi, non ce l’ha fatta il professionista che purtroppo non è riuscito a vincere la partita più importante della sua vita. Nel corso della sua carriera “calcistica” ha avuto la fortuna di aiutare tanti calciatori a tornare in campo, ma una cosa accomuna tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo: il sorriso. Sempre con il sorriso sulle labbra, sempre con la battuta pronta a farti stare bene ed era sempre pronto a scherzare, mai una parola fuori posto. Per tanti era il “cabron” come si faceva chiamare in maniera scherzosa, era pronto a condividere con i suoi ragazzi momenti in campo e soprattutto fuori, prima amici e poi pazienti. “Stenditi sul lettino, me la vedo io, stai tranquillo” ripeteva a tutti e sin da subito il calciatore beneficiava delle sapienti mani di Gabriele, una persona davvero troppo per bene e che era fatto per stare in uno spogliatoio, in un gruppo calcistico che si prefissava un obiettivo. Sono stati tanti i messaggi e le foto apparse sui social per ricordare Viscusi, c’è chi lo ricorda sempre al lavoro e chi per quel “terzo tempo” nel dopopartita, riusciva a tirare su il morale dopo anche la sconfitta più dolorosa o un obiettivo non raggiunto. Era fatto così, era “Gabriele”, era un folle capace di percorrere quasi tutta la Salerno-Reggio Calabria per andare a Vibo Valentia con la sua Toyota Yaris con il magazziniere ai tempi della Sessana, era fatto per stare nel mondo del calcio, era impossibile non volergli bene. Non sono frasi di circostanza, la sua solarità era trasmissibile, evidente e si hanno solo ricordi felici. Ed è così che vogliamo ricordarlo, con il sorriso stampato sul volto e le mani all’opera, come ha sempre fatto per tutta la sua vita, come continuerà a fare da lassù. Ciao Gabriele!