CASERTANA ANCORA IN BILICO IL DEBUTTO – Trapani nel caos totale, Ghirelli tratta con l’AIC



Cancelli chiusi per il Trapani (gianlucadimarzio)

CASERTA – La Casertana rischia seriamente di rinviare il proprio debutto in campionato. Un duplice motivo, infatti, potrebbe costringere i rossoblù a non scendere in campo domenica contro il Trapani. Innanzitutto per la protesta dell’AIC sull’impiego dei calciatori under che ha letteralmente scosso tutta la categoria. E’ stato così indetto uno sciopero per sabato 26 e domenica 27 che coinvolge tutti i calciatori della serie C. In queste ore la parti stanno mediando con il Presidente Ghirelli che ha assicurato di voler risolvere il problema per far partire regolarmente il torneo. Entro venerdì (domani) si avrà la risposta definitiva. Se si dovesse risolvere la querelle tra Assocalciatori e Lega Pro, non è detto che Trapani-Casertana si giocherà regolarmente. Il club siciliano versa in disperate condizioni economiche. Tecnico Di Donato esonerato, calciatori che non si allenano, stipendi non pagati e una penalizzazione di due punti che farà partire i granata con un handicap in classifica. E’ addirittura intervenuto il Sindaco Giacomo Tranchida che ha descritto l’attuale situazione del club. “Non solo – leggiamo nella lettera inviata agli organi di stampa –  le operazioni societarie sembrano avvolte dalla nebbia, ma soprattutto non v’è alcuna certezza sulla capacita della compagine di assicurare una serena partecipazione al campionato.

Basti pensare che ad oggi, è certo che molti lavoratori ed alcuni fornitori stanno presentando innanzi al Tribunale di Trapani, istanza di fallimento della Società e, che, nonostante la diffida del 10 settembre e del 24 settembre 2020, la medesima non sta più rispettando le condizioni di affidamento del centro sportivo comunale “Roberto Sorrentino”, concessogli dal Comune.



NIENTE PAGAMENTI – A tutto ciò si aggiunge che non v’è notizia dei pagamenti degli emolumenti ai tesserati, che dovrebbero avvenire entro il 30 settembre 2020. Ove ciò non avvenisse, con l’aggravante della recidiva, il Trapani Calcio S.r.l. subirà una ulteriore sanzione, che renderebbe improba la partecipazione al campionato.

SERIE C INCERTA – Infine, la società non è stata nelle condizioni di assicurare lo svolgimento delle sedute di allenamento, nonché il funzionamento logistico ed a quanto sembra anche il rispetto di semplici protocolli sanitari anti covid, che attualmente risultano rispettati anche dalle compagini dilettantistiche”. Ovviamente, se lo sciopero venisse revocato, la Casertana si presenterà ugualmente a Trapani al cospetto di un avversario in disarmo con i falchetti che potrebbero artigliare subito i primi tre punti della stagione.