PER IL VOLTURNO SARA’ L’ANNO ZERO – Dusan Vidovic nuovo allenatore gialloverde, il presidente Napolitano: “Sarà la svolta. Con lui si apre un nuovo ciclo”



Dusan Vidovic

Volturno punto e a capo. Ha tirato una linea netta la dirigenza sammaritana che in queste ore ha chiuso un importante accordo con il tecnico serbo Dusan Vidovc a cui è stato affidato tutto il settore pallanuoto. Sarà lui il responsabile che curerà sia i ragazzi che le ragazze nei rispettivi campionati. Nato a Becej nel gennaio ’69, ha iniziato con la squadra della sua città mettendosi in mostra tra i pali. Argento ai campionati baltici con l’under 21, ha poi difeso fino al 2002 la porta dello Spartak-Subotica, Vojvodina, Novi Sad (A1 della Jugoslavia). Nello stesso anno arriva in Italia e si ferma per due stagioni in A2 a Messina. In Arabia Saudita nel 2004-2005, poi torna in Italia a Caserta con lo Sporting (A2 femminile) portandolo al quinto posto, miglior piazzamento per il club e vince il campionato di serie C con l’Assonuoto. Torna a giocare in A2 con la Canottieri Napoli poi di nuovo in panchina a Varese (sesto posto, migliore di sempre per il club lombardo). Vince la C a Cagliari con la Promosport portandola in serie B quindi Stanford University Water Polo Club. Nel 2011 è a Bari, nell’ordine Crotone, Taranto, Sis Roma, Rende e Jesina. E’ stato anche nel 2015-2016 referente regionale Fin della Puglia. Insomma un allenatore che potrà insegnare letteralmente la pallanuoto come sottolinea il presidente Napolitano: “Abbiamo voluto dare una svolta perchè era impensabile da parte mia poter continuare ad allenare e gestire un club come questo. Siamo la storia della pallanuoto femminile in Italia ed è giusto investire oggi per raccogliere domani. Ho scelto un tecnico molto bravo che ha sempre avuto la mia stima. Mi piace il suo modi di lavorare e potrò davvero insegnare pallanuoto, dai fondamentali. Con lui si aprirà un nuovo ciclo, ne sono convinto perchè ha tantissima esperienza e metodi di allenamento innovativi”. Guiderà sia maschi (settore giovanile) che donne, giovanili e A2. “Ritengo che sia la persona giusta – conclude Napolitano – e che ci farà fare un salto di qualità. Servono basi forti per tornare competitivi ed è quello che stiamo facendo. Abbiamo apportato importanti e concreti rinnovamenti all’impianto, ora tocca al settore pallanuoto”.