IL “PICCIRILLO” DIVENTA TERRA DI CONQUISTA. Anche il Brindisi sbanca la tana del Gladiator

Del Sorbo in azione contro il Brindisi

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Si rivedono i fantasmi al “Piccirillo”. Nella quattordicesima giornata del Girone H di Serie D , il Gladiator esce sconfitto per mano del Brindisi con il punteggio di 1-3 in uno scontro diretto importante ai fini della classifica. Succede tutto nella ripresa e a nulla serve il momentaneo vantaggio dei sammaritani che si sono fatti rimontare due goal in poco meno di dieci minuti prima di subire il terzo in pieno recupero. Terza sconfitta consecutiva in casa per i neroazzurri che sembravano aver invertito la rotta con la vittoria in casa del Grumentum nello scorso turno. Troppo sterile è stata la prova offensiva offerta dai gladiatori a fronte di un Brindisi che in contropiede è stato micidiale.

PRE PARTITA – Per replicare il successo di domenica scorsa,  Borrelli manda in campo gli stessi undici per fronteggiare il Brindisi. In difesa c’è Maraucci,  Vitiello ha le chiavi del centrocampo e con lui ci sono Di Finizio, Ziello e Di Pietro, in avanti ci sono Di Paola e Del Sorbo.

IL PRIMO TEMPO – Le due squadre si studiano nelle fasi inziali del match e la prima conclusione arriva solo all’11 minuto con Vitiello che da fuori ci prova ma Pizzolato blocca. Il Brindisi reagisce al 14′ Tourè gira su corner ma la difesa nerazzurra spazza. Dieci minuti dopo Marino si accentra e da fuori scocca un buon tiro ma Zagari blocca senza patemi d’animo. Nonostante le buone condizioni del terreno di gioco, entrambe le compagini faticano a creare grandi pericoli. Il Gladiator sul finire della prima frazione di gioco comincia a carburare ed al 36’costruisce una ghiotta opportunità con Vitiello che effettua un lancio per Landolfo che schiaccia di testa ma Pizzolato ben posizionato blocca. La risposta del Brindisi non si fa attendere e due minuti dopo Ancora verticalizza per Pizzolla che da una buonissima posizione scarica sull’esterno della rete divorandosi il possibile vantaggio. Ad un minuto dalla fine da un’altra palla inattiva i padroni di casa costruiscono ancora una chance. Vitiello batte una punizione, Maraucci stacca di testa e fa da torre, si alza un campanile sul quale si avventa Di Pietro che stacca di testa ma manda la palla alta sopra la traversa. Tanta disperazione per il centrocampista neroazzurro che avrebbe potuto cambiare il punteggio sul tramonto del primo tempo che si chiude a reti bianche.

IL SECONDO TEMPO – I primi minuti della ripresa sono caratterizzati ancora da un grande equilibrio. La gara si spacca al 54′ Landolfo salta un paio di avversari sulla tra quarti e con il sinistro mette in mezzo, la sfera deviata da un calciatore ospite, termina sui piedi di Di Paola che sta per calciare quando viene atterrato da Pizzolato. L’arbitro concede il calcio di rigore dopo un conciliabolo con il guardalinee che aveva ravvisato il fuorigioco. Sul dischetto si presenta Del Sorbo che segna con rabbia il goal del vantaggio del Gladiator. Esplode tutto lo stadio per il gol dell’attaccante neroazzurro che torna a gonfiare la rete. La gioia del goal del vantaggio però dura pochissimo. Al 60′ infatti il Brindisi pareggia di rimessa: Ancora entra in area e gioca il pallone al centro per Marino che di prima intenzione pareggia. Il Gladiator subisce un vero e proprio black – out e il Brindisi con un velocissimo uno-due ribalta la situazione. Al 64′ lancio di Marino per D’Ancora che appena entrato in area con un pallonetto beffa Zagari e segna il goal del 1-2. Grande reazione del brindisi che in cinque minuti ribalta il punteggio e segna due goal.  Borrelli per cambiare le cose decide di effettuare due cambi e manda in campo Marzano e Troianiello al posto di Di Pietro e Di Finizio. Al 73′ Il neo entrato Troianiello mette in mezzo per la testa di Del Sorbo che però è impreciso e l’incornata termina fuori. Sul capovolgimento di fronte Ancora scocca un tiro dai 25 metri ma Zagari blocca a terra. Nel tentativo disperato di pervenire al pareggio, il tecnico dei neroazzurri inserisce anche Odjè e Rekik che sostituiscono Ziello e Ioio.  Da un calcio d’angolo a favore il Gladiator rischia di subire la terza rete. Dal corner Marzano calcia da fuori, la sfera termina sui piedi dii Boccadamo che imbastisce il contropiede mentre il Gladiator è scoperto. Vitiello commette fatto su Pizzolla che resta a terra, Toure continua l’azione e superato Zagari in uscita mette al centro per a Marino che calcia a botta sicura ma un mostruoso Marzano salva i neroazzurri opponendosi alla conclusone. Al termine dell’azione l’arbitro sanziona il fallo di Vitiello ed espelle il centrocampista per doppio giallo. Il Gladiator è costretto a giocare gli ultimi minuti in dieci uomini. Nel secondo dei cinque minuti di recupero il Brindisi sfiora il tris: lancio dalle retrovie per Ancora che stoppa il pallone e si invola verso la porta, resiste alla trattenuta di un difensore neroazzurro e calcia ma sfiora il palo. Con la forza della disperazione il Gladiator si rigetta in avanti alla ricerca di un pari ma in contropiede finisce per subite la terza rete. Ancora conquista palla e in ripartenza si invola verso la porta, mette al centro per Marino che mette a sedere il portiere Zagari ed appoggia in rete la palla dell’1-3 e della sua personale doppietta. Il match termina così tra i fischi dei tifosi di casa che si aspettavano un risultato ed una prestazione molto diversa da parte dei propri beniamini. Quinta sconfitta nelle ultime sei gare per il Gladiator che ora è davvero in crisi di risultati ed in classifica dovrà stare attento a non essere risucchiato nella zona play-out che dista solo due punti.

TABELLINO GLADIATOR – BRINDISI 1-3

GLADIATOR: Zagari, Ioio (80’Rekik), Di Finizio (67′ Troianiello) , Vitiello, Maraucci, Pantano, Landolfo, Ziello (79’Odje) , Del Sorbo, Di Paola, Di Pietro (62′ Marzano). A Disposizione: De Lucia, Andreozzi, Di Monte, Saccavino, Guida. Allenatore : Pasquale Borrelli

BRINDISI: Pizzolato, Dario, Escu, D’Ancota, Iannicielli, Fruci, Boccadamo, Pizzolla (70′ Lombardo), Toure (91’Zapoacosta), Marino, Ancora. A Disposizione: Lacirignola, Capone, Merito, Galiano, Mosca, Corbier. Allenatore: Salvatore Ciulio.

RETI: 54′ Del Sorbo su rigore (G), 60′ e 95′ Marino (B), 64′ D’Ancora (B)

ARBITRO: Paul Leonard Mihalache di Terni, assistenti: Rodolfo Spataro di Rossano e Diletta Roccaforte di Perugia

NOTE– Ammoniti! : Vitiello, Pantano (G), Ancora (B),

Recupero: 1 minuto nel primo tempo e 5 minuti nel secondo: Spettatori: 450  Angoli 5-5 Fuorigioco 5-2