Della Valle incoraggia la Bristoforno Virtus 04 Curti: “Ce la possiamo fare con Basket Mugnano. I play-out sono un nuovo campionato”

L’allenatore della Virtus 04 Curti Daniele Della Valle (foto Vittorio Celentano)

CURTI – Inizia stasera la serie del primo turno dei play-out della Serie C Silver. Alle 21, la Bristoforno Virtus 04 Curti sarà ospite al Palazzetto dello Sport di Mugnano di Napoli del Basket Mugnano, club arrivato al quartultimo posto con 16 punti. Per i virtussini del presidente Giuseppe Montesano inizia il percorso decisivo per tentare di conquistare la salvezza, al primo anno nella nuova categoria.

“E’ come se iniziasse un nuovo campionato” – esordisce il coach della Virtus Daniele Della Valle – “con un cammino che può durare dal minimo di due gare al massimo di sei gare. Partiamo quasi alla pari con il Basket Mugnano, squadra che da quanto si vocifera ha perso il loro miglior giocatore per infortunio, Del Duca. Sicuramente scendiamo in campo per vincere, bisogna giocare come se fosse una finale. Ma, come ho già detto ai ragazzi, dobbiamo giocare senza troppa foga di strafare, che potrebbe essere letale, finendo fuori dalla partita con strappi che non sono più recuperabili. Loro hanno delle individualità importanti ma non sono imbattibili, per cui potremmo farcela”.

Il giovane trainer è consapevole di quanto sarebbe importante sbloccarsi con la prima vittoria: “Se giochiamo come nelle ultime partite, ce la possiamo fare. Sicuramente vincere sarebbe una bella iniezione di fiducia, anzi vincere la prima partita, per di più nei play-out, potrebbe sgombrarci la mente da tante paure. La seconda partita poi la disputiamo in casa. Partendo con i favori del pronostico, loro hanno tutto da perdere. I ragazzi stanno vivendo il momento come se fosse iniziato un nuovo campionato. La testa è solo alle partite che restano da adesso alla fine”.

Prima dell’inizio della fase post-season, viene tracciato il bilancio del campionato regolare: “Sicuramente non è stata una stagione semplice. Sono cambiati tre allenatori, io sono il terzo, non si può dire che è stata positiva. L’unica nota è la crescita dei ragazzi che nelle utime partite hanno provato a vincere come se avesso esperienza maggiore rispetto a quella che hanno. Ovviamente ha pagato dazio l’esperienza, con il prosieguo delle giornate, qualcosa si è visto; rispetto all’inizio complicato, i ragazzi hanno trovato la giusta alchimia ma, non triofando mai, la troppa voglia di vincere porta errori che poi si pagano, nei classici cinque minuti di black-out. Sbloccarsi prima sicuramente avrebbe dato morale, perché andare avanti 0-20 non è facile, ma sono convinto che basta una sola volta che il gruppo riesca ad affermarsi che la Virtus conquisterà quelle sicurezze che le sono mancate fino ad ora. Alla salvezza io ci credo”.

SPINNAKER COMUNICAZIONE

UFFICIO STAMPA A.S.D. VIRTUS 04 CURTI