Villa Literno, scatta l’operazione Montesarchio. Griffo: “Stagione altalenante, ma è il momento di dimostrare il nostro valore”

Davide Griffo

Nel corso della trasmissione “Tutti pazzi per il calcio minore” è intervenuto il difensore del Villa Literno Davide Griffo. Ecco quanto evidenziato da Sportcasertano.it.

VILLA LITERNO A CACCIA DELLA VITTORIA. I biancorossi cercano l’impresa nella sfida a eliminazione diretta in casa del Montesarchio. “Dopo un anno vissuto sull’altalena il raggiungimento dei play-off è una soddisfazione anche per i giovani. Con l’arrivo di Cristiani c’è stata una svolta nel vivere la quotidianità, viste le varie situazioni accadute. Abbiamo ripreso a divertirci, ci siamo allenati e ci siamo resi conto questo obiettivo non era poi così distante. Le speranze erano di vivere un campionato come l’anno precedente e togliersi qualche soddisfazione in più. C’è stata un po’ di delusione ma nel calcio non c’è nulla di scritto”.

LA RIVOLUZIONE. Tanti cambiamenti nella rosa nel mercato dicembrino: “L’addio di Guadagno e Aliperta nello spogliatoio è stato vissuto come una grave perdita, a livello umano oltre cha calcistico. Questo ha portato a responsabilizzare persone come me e Giorgio Chianese nel dare un ulteriore mano al Villa Literno ed essere punto di riferimento per i giovani. Giovani che bisogna dire si stanno comportando in maniera egregia, basta vedere le prestazioni delle ultime partite. E stato fatto un grande lavoro da parte del mister ed è un orgoglio per chi è più esperto aiutarli a crescere”.

L’ATTEGGIAMENTO. Il difensore biancorosso sa già che bisognerà essere quasi perfetti in partita: “Studiare singoli calciatori è un po’ difficile. Dovremo fare un lavoro di squadra con la linea difensiva, i centrocampisti e gli attaccanti per cercare di limitare le loro qualità e portare avanti le nostre. Il Montesarchio durante il campionato ha dimostrato di saper fare bene. E’ una squadra che gioca a viso aperto, dinamica e che non abbiamo mai battuto. Andiamo lì con grande voglia di dimostrare ci che siamo capaci di fare, consapevoli che di fronte c’è un avversario ostico. La finale dell’anno scorso ci ha dimostrato che il calcio viene deciso dagli episodi. Speriamo  di non avere gli stessi rimpianti”.