TARGATO CE. Medaglia d’oro per la nuova promessa del pugilato marcianisano, con la mano dall’alto del maestro Brillantino

Raffaele Di Serio sul ring

MARCIANISE – Dall’alto la mano del maestro Mimmo Brillantino per vincere il trofeo più ambito. E nell’anno della sua morte, non ci sono dubbi che il legame c’è tutto tra l’eroe passato a miglior vita ed il nuovo talento della vita terrena. Il pugile di Caserta Raffaele Di Serio, nuova promessa sfornata dalla prestigiosa scuola “Excelsior Boxe” di Marcianise del compianto maestro, ha vinto la medaglia più luccicante nella disciplina pugilato (56 kg), battendo l’albanese Zeneli con il punteggio di 5-0. La medaglia d’oro dell’atleta casertano permette all’Italia di vincere la XVIII edizione dei Giochi del Mediterraneo di Tarragona 2018. Grande soddisfazione per la provincia di Caserta e per la città di Marcianise che si rallegrano per il trionfo dell’atleta del Gruppo Sportivo dell’Esercito Italiano.

NUOVO TRIONFO. L’azzurro ha dominato l’incontro, impreziosendo un cammino costellato di successi netti. Di Serio aveva esordito contro il kosovaro Maerlaku per 5-0, sconfitto il francese Rodriguez 3-2 ai quarti e il tunisino Mhamdi in semifinale (5-0). Per lui nuovo trionfo dopo essersi laureato campione europeo Youth nel 2015 a Kolobrzeg (Polonia), grazie alla vittoria per 2-1 contro il forte finlandese Arslan Khataev. E’ lui l’erede di Angelo Musone, Clemente Russo, Vincenzo Mangiacapre e Domenico Valentino.

IL MEDAGLIERE DI CASERTA. L’Italia vince il medagliere con un totale di 156 medaglie, 56 ori, 55 argenti, 45 bronzi, e prevale per la quarta edizione consecutiva, dopo Almeria 2005, Pescara 2009 e Mersin 2013. All’oro di Raffaele Di Serio si aggiunge la medaglia d’argento conquistata dall’attaccante Davide Merola di Santa Maria Capua Vetere, con la Nazionale Under 18 di calcio. Niente male, quindi, per la provincia di Caserta che è stata degnamente rappresentata nell’Olimpiade dei Paesi bagnati dal Mar Mediterraneo. Da Brillantino un sorriso che riempie il cielo.