Stadio del baseball al collasso: Del Gaudio pronto a risolvere il problema, ma la politica frena

Con un impianto a norma Caserta potrebbe tornare in serie A



Lo stato di abbandono dello stadio di baseball a San Clemente
Lo stato di abbandono dello stadio di baseball a San Clemente

Ci risiamo. La storia è sempre la stessa. Menefreghismo più totale e intanto il baseball a Caserta collassa. Il problema del totale stato di abbandono del diamante di San Clemente non è certo sparito con l’estate e la sospensione dell’attività agonistica dei Falchi Caserta. Lo scorso 29 ottobre, il Sindaco di Caserta Pio Del Gaudio ha ricevuto una delegazione del club neroarancio, dei Rennets (serie C e attività giovanile), rappresentanti della Federazione Italiana Baseball e Softball e il Presidente regionale della Fibs Mimmo Rotili. A distanza di cinque mesi, dopo le tante belle parole e frasi di circostanza, promesse e impegni mai mantenuti, è tutto esattamente come prima. Quel gioiellino che fino a pochi anni fa molti club di A1 ci invidiavano è ridotto a un rudere. Stavolta però, l’indice non è solo puntato verso il gestore della struttura (Tarabuso), ma verso quei dirigenti comunali che nonostante l’ok del primo cittadino, tergiversano rallentando tutto l’iter burocratico per restituire ai cittadini ciò che gli spetta. Servono urgenti lavori di manutenzione: sistemazione del pozzo per l’erogazione dell’acqua, riattivazione della corrente, rifacimento del manto erboso con l’aggiunta di terra rossa ormai solo un ricordo. Messa in sicurezza della tribuna e una bonifica di piante e sterpaglie che in questi mesi hanno invaso l’intera zona. Sia Falchi che Rennets hanno manifestato la volontà di risolvere tutto ricevendo anche l’ok delle alte sfere cittadine. Qualcosa però continua a non funzionare perchè a distanza di tre settimane la macchina organizzativa deve ancora mettersi in moto.

Mimmo Rotili Presidente Fibs Campania
Mimmo Rotili Presidente Fibs Campania

Il Presidente regionale Rotili è avvilito: “E’ una sconfitta per la nostra provincia che sta perdendo l’occasione di ritornare ai massimi livelli in questo sport. Si sta infatti pensando ad una riforma dei campionati e Caserta dall’attuale serie B si ritroverebbe in A. Vorrebbero coinvolgere regioni e città al sud di Nettuno e Caserta, che è una piazza storica e grande tradizione entrerebbe a far parte di questa nuova lega. Senza impianto però inutile parlarne. Da Presidente regionale della Fibs sollecito pubblicamente chi di dovere a raccogliere l’invito degli addetti ai lavori e della stessa politica casertana che ha più volte manifestato la volontà di risolvere una volta per tutte questo problema. Basterebbe poco per restituire allo stadio del baseball l’antico splendore. Però bisogna svegliarsi perchè se entro il 10 dicembre non arriverà l’ok dalla Federazione questo sport morirà”. Dunque ora dipende solo dai dirigenti comunali che in meno di un mese dovranno semplicemente mettere nero su bianco e dare il via ai lavori. In fondo non sembra impresa impossibile…