Mister Sanchez è carico: “Grazie Marcianise, mi sento un privilegiato”

Il neo allenatore gialloverde pronto per l'esordio in serie D: "Ripagherò la fiducia dei D'Anna"

Carlo Sanchez neo allenatore del Marcianise
Carlo Sanchez neo allenatore del Marcianise

Ufficializzato Carlo Sanchez sulla panchina del Marcianise. Il nuovo allenatore si è messo subito a lavoro per allestire, con il direttore generale Bruno D’Anna, la rosa in vista del prossimo campionato di serie D. Ha vinto la concorrenza di colleghi che fino a due settimane fa sembravano in vantaggio. “Mi sento un privilegiato – ha ammesso l’ex Casalnuovo – perché pochi hanno la fortuna di trovare una panchina in quarta serie dopo un anno di inattività. Devo ringraziare la famiglia D’Anna per la grande opportunità datami e spero di ripagarli per la fiducia”. Per lui sarà la prima esperienza in un campionato nazionale e le motivazioni sono alle stelle: “Ogni anno in cui ho allenato è stata una nuova esperienza. Sarà un’avventura molto stimolante, impegnativa in un campionato importante. Mi conosco ed è una scommessa che posso vincere. Sono un uomo di campo, amo curare ogni singolo dettaglio con il mio staff e insieme ai tifosi, che hanno voglia di continuare a divertirsi e vincere potremo fare molto bene”. Raccoglie l’eredità di Foglia Manzillo e di un Marcianise che da neopromossa centrò addirittura i playoff: “Ammetto che il compito non sarà dei più facili. Arrivare dopo due annate favolose e mantenersi a certi livelli sarà impresa non da poco. Ma non ho paura, sono molto ambizioso per natura e non mi tiro indietro davanti agli ostacoli. L’obiettivo? La società mi ha chiesto di ben figurare, poi strada facendo vedremo fin dove poter arrivare. Una cosa è certa: lavoreremo tanto perché sarà un’annata particolarmente impegnativa”. Il neo allenatore predilige il 4-2-3-1, ma per sua stessa ammissione i numeri lasciano il tempo che trovano: “La linea difensiva a quattro è il punto di partenza – continua – il resto può cambiare anche a seconda delle caratteristiche tecniche dei calciatori. E’ inutile parlare di moduli o tattiche specifiche, contano l’impegno, la voglia di sacrificio e quella di vincere. C’è un gruppo solido da cui ripartire, under interessanti e over di esperienza. Arriveranno rinforzi per ogni reparto, ma siamo a metà giugno ed è presto per parlarne. Ho dato le indicazioni alla società sulla tipologia di atleti da tesserare, c’è tutto il tempo per valutare e guardarsi intorno”. Infine tre nomi che potrebbero arrivare in gialloverde, Terracciano, Simonetti e Lombardi: “Parliamo di giocatori particolarmente ricercati  -conclude Sanchez – che farebbero le fortune di ogni club. Simonetti l’ho allenato a Casalnuovo ed è un ragazzo che può tornare molto utili. Terracciano ha appena vinto il campionato con il Savoia e Longobardi ha disputato la sua miglior stagione in termini di gol con il San Cesareo. Ce ne sono tanti altri sul nostro taccuino, ma come dicevo prima questa è una fase particolarmente delicata. Dovremo fare attenzione nelle scelte e per fortuna il tempo è dalla nostra parte”.