Il Volturno riposa, parla la Abbate: “Che emozione l’esordio”

Il primo gol di Simona Abbate contro l'Acquachiara
Il primo gol di Simona Abbate contro l’Acquachiara

Dopo la vittoria per 17-13 contro l’Acquachiara Napoli nell’esordio stagionale in A2 femminile di pallanuoto, girone Sud, il Volturno si ferma ai box per il turno di riposo che toccherà a tutte le squadre, in quando il raggruppamento è composto da 9 team. Da un lato è positiva questa sosta perché dà il tempo di studiare ancora le avversarie, ma dall’altro era necessario, forse, non far calare l’adrenalina dopo la prima uscita e continuare a giocare e  magari a fare punti. Intanto, domenica scorsa c’è stato il ‘debutto’, il terzo, per una campionessa, l’ennesima, nel gruppo gialloverde. “Ho sentito un’emozione particolare”, così Simona Abbate, calottina numero 3, del Volturno versione 2014, alla domanda sulle sensazioni di essere ritornata a giocare (non da avversaria) nella piscina di Santa Maria Capua Vetere. Dopo la prima partita della sua carriera in A2, dove ha scelto di stare per una scelta di vita e rilanciarsi, ha proseguito affermando: “Rigiocare qui come atleta matura, dopo essere stata in giro per l’Italia mi ha fatto pensare alla ragazzina piena di sogni che ero e poi non è vero che un campionato di A2 non può dare le stesse emozioni di altri palcoscenici: un debutto è un debutto, anche se con la società che ti ha cresciuto, anzi”. Nel terso tempo, al minuto 4’17”, la Abbate domenica ha messo a segno il suo secondo gol grazie ad un assist stupendo di sua nipote Camilla Sgrò: “E’ stato un passaggio bellissimo e non facile, dato che Camilla ha sfruttato il mio taglio e mi ha dato una palla perfetta per tempismo. L’ho guardata con sguardo complice dopo il gol e ho pensato che mi conoscesse da sempre come giocatrice ed in realtà mi ha visto giocare un sacco di volte”. Sulla squadra la giocatrice marcianisana non ha dubbi: “C’è uno zoccolo duro ben collaudato che migliora di giorno in giorno e in questa squadra io e la Valkai possiamo fare la differenza sfruttando il lavoro di squadra. Contro l’Acquachiara sapevo che non avremmo sofferto, ma sono colpita positivamente dalla prestazione di squadra. Ora il riposo e poi sotto col Racing, squadra cattiva agonisticamente e con elementi che giocano da tanto”, conclude la Abbate.

Il secondo turno di A2 femminile di pallanuoto, girone Sud:

Tubisider Cosenza-Antares Latina

SIS Roma-Ortigia Siracusa

Acquachiara-SC Flegreo

Racing Roma-Promogest Cagliari

risposa Volturno