La Pellegrino racconta la sua esperienza alla World League

La Pellegrino in azzurro

Archiviata la stagione sfortunata del suo club di appartenenza, il Volturno, Maria Giovanna Pellegrino è stata impegnata prima nelle qualificazioni della nazionale italiana di pallanuoto femminile nelle qualificazioni per le SuperFinals di World League a Siracusa e poi una volta conquistato il pass, via in Cina a Changshu. Il tutto con la rappresentativa delle nate 1993 e seguenti di coach Paolo Zizza, così come voluto dalla federnuoto per consentire al Setterosa di Fabio Conti di preparare al meglio le Olimpiadi. E la mancina capuana le formazioni che stanno preparando i giochi di Londra 2012 le ha incontrate sul serio: USA (la favorita per l’oro olimpico), la Russia, l’Australia, tutte corazzate. Proprio le statunitensi hanno vinto la manifestazione intercontinentale battendo in finale le ‘Aussie Stingers’ australiane. Per il baby Setterosa non è andata benissimo: solo un ottavo posto con risultati da cenerentola della manifestazione, ma con tanta esperienza fatta in vista degli Europei Under19 di settembre che si svolgeranno a Chelyabinsk in Russia. La Pellegrino ci racconta questa avventura cinese nella pallanuoto che conta: “Penso che sia stata un’esperienza importate – afferma – e un momento di crescita perché abbiamo avuto la possibilità di affrontare nazionali maggiori, alcune delle quali si stanno già preparando per le Olimpiadi. Anche se i risultati non lo dicono abbiamo mostrato anche qualcosa di buono. Forse solo la Grecia aveva 4 o 5 più piccole e il Canada non era proprio al completo”. I risultati per le azzurrine di Zizza non sono stati incoraggianti, ma la Pellegrino è chiara: “Non credo che l’esito della World League ci abbatterà, potrà solo esserci d’aiuto perché in occasioni decisive conta anche l’esperienza ed è stato questo il motivo per cui una formazione così giovane ha partecipato a questa manifestazione importante. Non saremo demoralizzate  per il prossimo Europeo perché sapevamo di non andare per fare risultato ma per ottenere buone prestazioni”. L’estate sarà davvero densa di impegni per la mancina del Volturno che attorno a sé sta calamitando anche l’attenzione di club importanti. “Ora probabilmente, ma non è sicuro, ci sarà un torneo per le ‘94 a metà luglio, con la preparazione per l’europeo 93, invece, che partirà il 10 agosto. L’Europeo russo inizierà il 9 settembre e finirà il 16, mentre il torneo in Grecia ci sarà la settimana prima dell’inizio della manifestazione”. Ritornando al club si era parlato di un blocco dei ripescaggi, ma nell’ambiente azzurro è ancora tutto incerto per la prossima A1. “Tra di noi qualche volta è capitato di parlare del campionato – confessa Maria Giovanna – ma nessuno sa nulla con certezza, sempre le solite voci e tanti forse”. Un ultimo pensiero la giocatrice di Sant’Angelo in Formis lo rivolge al suo coach, Salvatore Napolitano, che ha perso la madre da pochi giorni: “Il mister spesso mi chiama ‘la sua creatura’ perché con lui ho avuto la possibilità di giocare in serie importanti, lui mi ha avviata verso la nazionale e in casi come questi non servono le parole. lui sa che tutte noi gli siamo vicine per la sua perdita”.