La Volalto ospita Agrigento e ‘vede’ la finalissima

Sabina Cerullo

Semifinale play off atto secondo. Sabato con inizio alle ore 18:00 il palasport di Viale Medaglie d’oro sarà il degno teatro della sfida tra Volalto e Akragas Volley Agrigento. Le prime, dopo il colpaccio in sicilia, cercano il pass per la finale promozione in B1, le siciliane provano ad allungare la serie, rimandando ogni discorso all’eventuale bella da disputarsi in casa propria. “Eventualità che neppure vogliamo prendere in considerazione – taglia corto Sabina Cerullo – ci siamo costruite una grandissima possibilità, non intendiamo vanificarla. Siamo ad un passo da qualcosa di meraviglioso, tutte desideriamo farlo nostro”. Caserta e Agrigento, due signore squadre, due formazioni capaci di offrire grande spettacolo mercoledì nella bellissima città sicula. Due formazioni giunte attraverso programmi e percorsi diversi a questa importante sfida. “E’ stata una partita molto intensa – spiega la rosanero –  un match difficile con il punteggio e le emozioni in continua altalena. Se penso al tie break ad esempio, quando da 8-3 per noi siamo passate a 11-12 per loro mi vengono ancora i brividi, ma volevamo fermamente il successo e ci siamo riusciti”. La centrale evita di fare pronostici. “Impossibile farli. Entrambe avremo le motivazioni a mille”. Meglio, allora, focalizzarsi sugli aspetti tecnici della contesa. “Dobbiamo essere molto attente in difesa e murare bene il loro attacco. Hanno centrali molto temibili, bisogna provare a neutralizzarle a farle andare sotto ritmo. Al di la della rete, come visto mercoledì, difficilmente lasciano che la palla muoia, le tentano tutte per tenerla in vita ed anche il loro muro non è niente male. Ecco, allora l’importanza dei nostri attacchi e contrattacchi. Difendiamo forte, certamente en guadagnerà anche la nostra fase offensiva”. Tutte disponibili per coach Monfreda, così come per Tani Frinzi Russo. Qui s’ha a da fare la storia. Servono che tutti le  protagoniste la scrivano. “Le fatiche dell’estenuante viaggio si sono fatte sentire, ma domani anche loro si saranno sobbarcate diverse ore di bus. Inoltre, la gioia del successo e la determinazione per il possibile raggiungimento della finale promozione cancellano ogni tossina” Ben detto Sabina.. Ci sarà tempo per riposarsi. A più nobili gesta sono ora chiamate le fromboliere rosanero. Prima battuta ore 18:00. Previsto il pubblico delle grandi occasioni vista l’attesa per la contesa, la sua importanza  e la sempre maggiore curiosità che le volaltine stanno riscuotendo in città. Gente, venite gente, avanti ci sono ancora posti a sedere. Lo spettacolo riprende e la trama promette di essere decisamente affascinante.