Della Corte fa poker, il Cus Caserta resta in C2

Striscione di incoraggiamento per il Cus Caserta

E’ il Cus a festeggiare la meritata salvezza in C2, al termine di un playout intenso, ma equilibrato solo nel primo tempo. Gli uomini di Guido Venitimiglia asfaltano 7-2 il Futsal Marigliano, che saluta a testa alta la categoria, con un arrivederci. In avvio due squadre concentrate, con due modi di giocare diversi. I padroni di casa girano velocemente la sfera, facendo un buon possesso nei primi minuti, arrivando vicini al gol con Carrozza e Ventimiglia. Per gli ospiti è Velotto l’uomo in più, pericoloso soprattutto dalla lunga distanza. Ci prova da fuori anche Notaro, ma Piccirillo è attento. E’ altrettanto bravo l’estremo difensore avversario, fondamentale sulla conclusione a botta sicura di Carrozza. Poi, al 13°minuto, il match si sblocca. Solito sinistro insidioso di Daniele Ventimiglia, Mensione respinge, ma sulla ribattuta è pronto Della Corte, che non fallisce l’1-0. Il vantaggio, tuttavia, dura poco, perché Velotto mira l’incrocio e fulmina Piccirillo, pareggiando immediatamente i conti. Ventimiglia ingaggia un duello personale con Mensione, ma i suoi tentativi non centrano il bersaglio, spesso per questione di centimetri. Dall’altro lato, invece, Tommasone è cinico e firma il momentaneo 1-2. La reazione casertana non tarda ad arrivare. Ben assistito da Borrelli, D’aniello colpisce il palo da due passi, ma il gol è nell’aria. Carozza subisce fallo dal limite, per la battuta c’è Borrelli, che sistema la palla e fa secco Mensione, per il nuovo equilibrio fissato sul 2-2. I cussini sfruttano le maggiori rotazioni per conservare qualche energia e sul tiro poco alto di Silvio D’Aniello, termina la prima frazione. Al rientro dagli spogliatoi, Della Corte firma subito il nuovo vantaggio sugli sviluppi di un calcio di punizione. Servodidio e Velotto tentano da lontano, mentre è più concreto Della Corte. Il numero 7 rossoblu, infatti, ruba palla a metà campo, fa tutto da solo e spinge in rete la tripletta personale. Sulla panchina locale comincia la festa. Velotto è l’ultimo ad arrendersi e cerca la rete con le forze che restano, ma la difesa del Marigliano resta troppo scoperta e viene punita da una bella giocata di Alessio Borrelli, che fa 5-2. Mister Devastano fa salire anche il portiere, con Mansone che si vede deviare in angolo un destro insidioso, dal proprio collega di reparto. Con la porta sguarnita, però, il Futsal sprofonda. D’Aniello prima e Della Corte poi, centrano lo specchio vuoto, fissando il risultato finale sul 7-2. I meriti vanno al giovanissimo gruppo del Cus, che sarà in grado, senz’altro, di centrare traguardi ancora più importanti nei prossimi campionati.