Volturno maschile, brutta sconfitta a Catania

Pasquariello del Volturno, 3 gol per lui nella sconfitta di Catania

Il Volturno torna da Catania con una sconfitta pesante per 17-6 nella gara valevole per la quattordicesima giornata del campionato di Serie B maschile, girone 4. I gialloverdi non appaiono mai in partita, data la stanchezza per la lunga e scomoda trasferta in nave da Napoli. In più dopo una serie di fischi arbitrali ancora una volta non chiari e a sfavore il Volturno, onde evitare squalifiche ulteriori e quant’altro tira i remi in barca automaticamente. I parziali sono abbastanza pesanti e recitano così: 4-1, 5-2, 4-2, 4-1. Dopo gli episodi della gara d’andata (rissa finale con il risultato clamoroso di 8-7 per i catanesi segnato a pochi secondi dalla fine ed un arbitraggio assurdo) l’ambiente della piscina ‘Zurria’ è molto freddo con i gialloverdi e dopo la lunga trasferta in nave i ragazzi di coach Fusco non arrivano proprio al top della forma. Mattatore indiscusso del match è stato La Rosa con 8 reti, mentre per i sammaritani 3 reti per Pasquariello, 2 per Salemme ed una per Grimaldi, con il Waterclub che mette da parte 3 punti fondamentali per la salvezza (sale a 19 punti) e ritrova la vittoria dopo 3 stop di fila. Il Volturno, invece, è parso poco convinto e quasi rassegnato ad un finale di stagione in calando, date le troppe assenze (anche oggi 8) e tutto ciò che gli accade in vasca e fuori. Il tecnico Marco Fusco ha dichiarato a fine gara: “Non voglio commentare neanche più gli arbitraggi, posso solo dire che non possono mandarci sempre arbitri di Siracusa se siamo in lotte salvezza con una squadra siracusana. Ma a parte ciò capisco l’abbattimento dei miei ragazzi per tutto quanto ci va storto, abbiamo, però, le qualità per fare meglio preparandoci, però, mentalmente ai play out già da ora”, conclude Fusco. Con la vittoria casalinga dell’Enzo Grasso Siracusa sul Cosenza il Volturno ed il Pozzillo (sconfitto 17-7 a Bari) restano al penultimo posto ad 11 punti, mentre l’Enzo Grasso ufficialmente sale a 14, anche se si dice che la CAF abbia accettato il ricorso contro la penalizzazione e la gara persa a tavolino per cui la compagine aretusea potrebbe avere 18 punti ed avere un piede e mezzo fermo in B. In vetta invece, nuovo cambio della guardia con la Rari Nantes che cede il passo per 11-8 all’Olimpica di Palermo contro la Sikelia che la scavalca in classifica, col Bari che acciuffa la Rari di Elios Marsili a quota 32 punti.

STRANO LIGHT DIVISION WATERCLUB CT – S.C.VOLTURNO 17-6

Waterclub Catania: Vittoria, Sicilia, Scuderi M. 2, La Rosa 8 , Raspagliesi 2, Tarascio 1 , Punzio, Strano 1 , Catania 1 , Zappalà, Muscuso 1 , Scuderi S. 1, Paladino. All. Cacia

Volturno: Perfetto, Tatavitto,Pasquariello 3, Salemme 2, Buonanno, Fiengo, Magliuolo l., Magliuolo F., Veneziano , Fusco, Grimaldi 1, Natangelo, Bernaudo. All. Fusco

Parziali: (4-1, 5-2, 4-2, 4-1). sup num Waterclub Catania 3/5+2 rig 2 gol Volturno 0/7+1rig. 1 gol

Arbitrio: Scollo Stefano

Spettatori: 250

Questi i risultati

RN Taranto-Cus Palermo 9-12
Bari Nuoto-Pol. Pozzillo 17-7
WP Sikelia Service-RN Napoli 11-8
Strano Light Waterclub-Volturno SC 17-6

CS Enzo Grasso-Tubisider Cosenza 13-8

CLASSIFICA:

Sikelia Palermo 34

RN Napoli 32

Bari Nuoto 32

Cosenza 24

CUS Palermo 22

Waterclub Catania 19

Enzo Grasso SR 15

Volturno  11

Pol. Pozzillo 11

Rn Taranto  3