Il Volturno ospita l’Ortigia per rilanciarsi in campionato

Le gialloverdi di Napolitano sognano il riscatto. L'ex Ciampichetti: "Sarà bello salutare le compagne di un tempo, ma darò il massimo per i 3 punti". De Simone: "Niente cali di concentrazione"



Domani alle ore 15 il Volturno scenderà in vasca a Santa Maria Capua Vetere contro l’Ortigia Siracusa, per l’incontro valevole per la sesta giornata del campionato di Serie A1 femminile di pallanuoto. Le ‘Spartane’ dovranno buttarsi alle spalle gli ultimi due risultati per niente consistenti in termini di punti e ripartire dalle prestazioni molto positive per cercare di battere le siciliane, in un altro classico della pallanuoto italiana. Una vittoria significherebbe fare un balzo in avanti notevole in classifica e spingere più indietro la zona calda, nonché ritemprare lo spirito gialloverde. Gara nella gara, poi, la sfida personale delle ex biancoverdi Starace, Giuliani e Ciampichetti.
Caterina Ciampichetti, ex del match con l'Ortigia

Proprio il jolly classe ’91, Ciampichetti, in merito al match di domani si è espressa in questi termini: “Innanzitutto la partita è importantissima e non ci possiamo permettere passi falsi poichè una vittoria sarebbe fondamentale sia per la classifica che psicologicamente per la squadra. L’Ortigia è la mia ex squadrae sicuramente mi farà piacere rivedere molte delle mie ex compagne che giocano lì dove ho passato bei momenti. Siracusa è bellissima e ho avuto ottimi rapporti con atlete e società, ma sicuramente al Volturno mi trovo meglio, le ‘spartane’ si distinguono per la capacità di far sentire a proprio agio le new entries”. Per Ciampichetti: “L’unico risultato per disponibile è la vittoria, non ci sono altre opzioni e da ex spero di fare una bella partita e senza dubbio darò il massimo per i 3 punti”.

Vanessa De Simone, attaccante gialloverde, invece, mette in guardia le proprie compagne, caricandole: “Una nostra prerogativa è stata negli ultimi anni quella di non mollare mai fino alla fine delle partite, cosa che è assolutamente mancata ad Imperia e non deve succedere che prendiamo 7 gol in un quarto, specie se l’ultimo. L’Ortigia la conosciamo, ma sulla carta si possono conoscere le squadre quanto vuoi, poi però è in acqua che devi saperle affrontare. La pallanuoto – continua – è uno sport in cui devi affrontare l’avversario a viso aperto e poi prendere contromisure, senza cercare di tamponare in anticipo. Noi dobbiamo dare il massimo e sono certa che possiamo vincere, anche per darci una scossa al morale”, conclude il numero 7 del Volturno.



“La sfida con l’Ortigia – afferma, invece, coach Napolitano – è importante non solo perché abbiamo l’opportunità di fare punti contro una squadra alla nostra portata, ma anche per far capire alle ragazze che finora non hanno raccolto quanto seminato. So che può essere frustrante e serve un’iniezione di fiducia. Non dimentichiamoci, però, che abbiamo giocato contro 4 delle prime 5 in classifiche e tutte aspiranti alla Final Four. Non credo – prosegue il tecnico del team sammaritano – che le ex Ortigia abbiano tensioni particolari ad affrontare la loro ex squadre, ma mi aspetto che diano il massimo. In settimana abbiamo lavorato bene, anche la Giuliani che non sta vivendo un periodo facile per problemi familiari si è aggregata normalmente, dimostrando tutto il valore sportivo ed umano che possiede.Tutto è andato secondo le previsioni, salvo qualche piccolo problema di affaticamento, dovuto alle doppie sedute di allenamento, per qualche ragazza, ma poca cosa. Tutte, infatti – conclude Napolitano – saranno disponibili contro le siciliane”.

 Palla in acqua alle ore 15, arbitrano Alfi e Calabrò.
Vanessa De Simone in allenamento (Foto 1 e 2 A. Lizza)