Parola di capitan Barone: “Non vogliamo fermarci abbiamo tanta voglia di vincere”

Il libero rosanero racconta il buon momento della squadra

Federica Barone

In testa a punteggio pieno, esattamente come avvenne la passata stagione. Stavolta, però, le cosa è diversa. L’ anno scorso una giovane e promettente debuttante, rispettosa del suo ruolo, si affacciava ai vertici della classifica, ora le ambizioni sono ben diverse ed in quella posizione le rosanero contano di rimanerci a lungo.

“Abbiamo tanta voglia di vincere ancora e di fare sempre meglio – così esordisce Federica Barone, libero volaltino – Credo tanto in questa squadra e in questo gruppo. Credo nell’allenatore e in tutto quello che ci circonda. Stiamo lavorando tanto, vogliamo fare ancora di più,vogliamo andare avanti e, secondo me, le potenzialità per farlo ci sono tutte”.

“Siamo state brave a prenderci i 3 punti. In campi come quello del Turi non è facile andare a vincere senza qualche complicazione. Sono trasferte ostiche, si arriva lì abbastanza stanchi e iniziare a giocare con una squadra così grintosa e così poco arrendevole non è per niente facile. Nel primo set ci sono stati dei cali evidenti da parte nostra, ma questo credo sia stato dovuto alla stanchezza. Nel corso della partita poi il nostro livello si è alzato, molte cose sono iniziate a funzionare e siamo andate a chiudere senza ulteriori complicazioni. Devo dire però che dall’altro lato c’era una squadra che non ha smesso mai di crederci e di lottare, difficilmente facevano cadere palloni in difesa,combattevano su ogni palla e hanno tentato di rubarci punti in più situazioni. Non sarà facile per le altre squadre giocare in quel campo”.

A Bari è stata di gran lunga la migliore in campo. Ricezione e difesa sono state praticamente perfette confermando ancora una volta questa ragazza come una delle migliori interpreti del ruolo nell’intero girone.

 

“ Ovviamente sono soddisfatta, ma non appagata, della mia prestazione. Bisogna sempre migliorare Sono felice per me, ma soprattutto per la mia squadra. Nella pallavolo moderna il libero svolge un ruolo di particolare importanza e l’apporto che può dare alla squadra non è da sottovalutare. Cerco di prendermi tante responsabilità in modo da sgravare il ruolo delle attaccanti si da consentirgli di giocare con più serenità. Sono solo al terzo anno in questo ruolo ma ho avuto la fortuna di avere al mio fianco persone competenti che hanno saputo farmi fare un bel salto di qualità”.

Formazione fortissima in attacco, la Volalto deve trovare i giusti equilibri in difesa, anche se, va detto, i miglioramenti sono costanti.

“ Certo – conferma Federica – le nostre attaccanti sono una forza della natura. Fattaccio è l’attaccante che ogni allenatore vorrebbe, e le new entry Armonia e Boteva sono stati dei veri “colpacci” per noi. Ragazze di grande umiltà e con tanta voglia di mettere giù ogni pallone. Sono davvero onorata di essere circondata da persone come loro. Sì, la difesa sta andando meglio anche se in quel fondamentale purtroppo ci vuole più tempo perchè è necessario che ognuna capisca le proprie competenze e quelle della compagna vicina. Bisogna allenarla tanto ma una volta acquistata stabilità le cose non possono che andare per il meglio”.

E’ presto, tanto presto per lanciarsi in proclami o prevedere quale sarà il cammino delle rosanero. Sinora l’andamento del torneo ha palesato un certo equilibrio, la sensazione è che si potrebbe avere spettacolo e incertezza sino alla fine.

 

“ Solitamente  – spiega la talentuosa giocatrice – non amo fare considerazioni di questo tipo ad inizio campionato. Potrei farle solo quando palesemente vi fosse una squadra nel nostro girone nettamente superiore alle altre. Quest’anno vedo squadre abbastanza equilibrate e non credo ci saranno partite “tranquille”.Certo ci sono favorite sulla carta ,ma con molta sincerità ti dico che do molta poca importanza a quello che si dice in giro. La palla è rotonda” e ogni partita è storia a sé. Nessuna squadra è da sottovalutare ma nemmeno noi lo siamo, Dove possiamo arrivare preferisco tenerlo per me, poi magari a fine campionato ne riparleremo e vedremo….Sappi solo che io ci credo e di certo quest’anno non abbiamo solo voglia di divertirci”.

Parola di libero, parola di leader.