Taekwondo: al Trofeo Campania quattro medaglie per la Benefit Club

La formazione casertana della Benefit Club

Si è conclusa la prima edizione del Trofeo Campania, miniolimpiade regionale per ragazzi dai 10 ai 15 anni tra squadre provinciali che si sono cimentate in tutti i maggiori sport olimpici e non. Per il Taekwondo la squadra casertana era composta da atleti del Benefit Club del Maestro Fusco e del centro Jgea di Casapesenna del Maestro Cavuoto. Nonostante il numero inferiore di atleti rispetto alle province di Napoli e Salerno, in cui il Taekwondo è sport radicato da anni, i nostri si sono fatti valere dando filo da torcere alle 2 squadre sopracitate. Solo 5 su 14 le categorie coperte nel combattimento dagli atleti casertani che conquistavano 2 medaglie d’oro, 1 medaglia d’argento e 2 di bronzo. Il primo oro veniva dalla brava Marta Petito del Taekwondo Jgea che batteva in finale nella categoria -48 kg femminile cadetti B l’atleta di Napoli. Il primo dei ragazzi di Caserta a combattere era Matteo Mariniello del Benefit Club che passava facilmente la semifinale contro Salerno e in finale si sbarazzava con un match molto intelligente dell’avversario di Avellino, conquistando così l’oro nella -48 kg cadetti B. Buona la prova anche di Antonio Marano del Taekwondo Jgea che conquistava il 2° posto e la medaglia d’argento nella -53kg cadetti A, perdendo in finale contro Napoli. Terzo posto e medaglia di bronzo per Marco Fusco del Benefit Club di Caserta nella -49 kg cadetti A e per Armando Puocci nella -57 kg cadetti A, entrambi sconfitti in semifinale per pochi punti ed entrambi meritevoli di qualcosa in più. Infine nel torneo di forme 3° posto per la squadra maschile composta dagli atleti del Taekwondo Jgea: Balbino Marco e gli omonimi Alfredo Riccardo e Alfredo Riccardo. Terzo posto e medaglia di bronzo anche per la squadra femminile composta dalle atlete del Benefit Club Oriana Izzo, Beatrice Sellitto e Alessandra Salato. In conseguenza di tali risultati la provincia di Caserta ha conquistato il 3°posto dietro solo alle squadre ben più numerose di Salerno e Napoli