Coppa Italia: per la Volalto en plein a Vasto

Martina Del Vaglio

Veni, vidi, vici. Il sacco di Vasto è compiuto. La Volalto arrivata nella mattinata nella bella cittadina abruzzese, all’ora del caffè pomeridiano  si è sbarazzata con agilità del Casoli, poi, il tempo di sorseggiare un rigenerante the freddo, eccola incrociare nuovamente schiacciate e ricezioni con le forti padroni di casa. Partita da dentro o fuori. Chi vince passa il turno. Vince la Volalto 3-1. Con la forza del gruppo, la potenza di Fattaccio e Boteva, la formazione casertana porta a casa un risultato importante e, per certi aspetti inaspettato. Il primo match, quello contro Casoli è stato un unico monologo rosanero. Troppo netto è apparso il divario tra le casertane e le rivali. Boteva e Fattccio mettono palla a terra come e quando vogliono, la Curia si rivela preziosa palleggiatrice, Paioletti ed Armonia e Gagliardi ottime alternative alle due opposte. La difesa partendo da Barone funziona a meraviglia. Ecco quindi maturare il meritato 3-0. Altra storia la gara con Vasto. Bella, avvincente ed equilibrata. La Volalto comincia a mille all’ora, ma il match è duro. L e padroni di casa difendono benissimo, così, la costruzione del punto per le volaltine è quanto mai laboriosa e dispendiosa. Il primo set, però, è portato a casa. 25- 22. Nel secondo parziale si spegne la luce. Le campane tirano, giustamente il fiato.Vasto va a vincere facilmente il set 25-14. Nel terzo e quarto, invece, la partita ritorna ad essere vera. Si gioca punto su punto. Monfreda attinge alla panchina e ne trova risposte positive. La squadra gioca che è un piacere. Così la partita si colora di rosanero. Il sacco e compiuto. La corsa in Coppa Italia contnua. “Alla vigilia non pensavo potessimo fare tutto ciò – conferma Monfreda allenatore volaltino – invece in campo le ragazze hanno dimostrato carattere, grinta, ottimo senso dell’applicazione. Ho avuto risposte positive da tutte. Boteva e Fattaccio si sono confermate su ottimi livelli, ma brave anche Armonia, Cerullo, Barone, Salzillo, la stessa Paioletti”. Parole importanti Monfreda le spende anche per le due palleggiatrici, Curia e Delvaglio. “Entrambe all’altezza della situazione. Non dimentichiamoci mai che sono giovanissime, con esperienza minima a giocare questi tornei. Ogni pallone, dal più facile a quello più difficile passa per le loro mani. A Vasto hanno dato prova di grande carattere. Nel complesso, la squadra mi è piaciuta. Certo – conclude il tecnico – abbiamo ancora da lavorare, ma la strada è quella giusta”.