Arriva il Grottaglie, Casertana non distrarti

Dimatera torna a disposizione di Feola

Quella di oggi è per certi versi la gara più difficile. Tre vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia. Nove gol fatti e due subiti. E’ una Casertana in salute quella che riceverà il Grottaglie. Una squadra che pian piano ha preso consapevolezza della propria forza e tutti stanno dando il massimo per la corsa alla vetta. Dicevamo dell’avversario. La sconfitta con la Turris e una situazione societaria precaria hanno indotto mister Feola a catalogare il match di domani pomeriggio come particolarmente ostico. Il neo presidente Fiorentino prenderà possesso del club solo la prossima settimana. Ma ormai l’era Ciracì sta per finire e con lui anche l’avventura di Pizzonia. Il tecnico verrà molto probabilmente sostituito da Pedro Pablo Pasculli, vecchia conoscenza dei casertani per aver contribuito alla promozione (l’ultima tra i professionisti) in C2 della stagione ’95-’96. Domenica però non ci sarà e allora sia i calciatori sia lo stesso Pizzonia faranno di tutto per ben impressionare la nuova dirigenza. Tenendo anche conto che al ‘Pinto’ anche i brocchi diventano purosangue, è lecito aspettarsi un’autentica battaglia. La settimana in casa rossoblù è trascorsa sostanzialmente bene. Camorani sarà out per la distorsione rimediata a Nocera. Non dovrebbe avere problemi invece Ciccio Mortelliti rimasto precauzionalmente a riposo giovedì ma pronto a bissare la buona prestazione (magari condita con un altro gol) di sette giorni prima. Per il resto tutti abili e arruolabili per quella che rappresenta un’invitante occasione per il tris di successi. Martedì inoltre Feola avrà a disposizione anche Vittorio Gargiulo in modo da presentarsi quasi al completo in casa del Casarano. Ma della trasferta in terra pugliese avremo modo di parlarne sabato prossimo. Meglio concentrarsi sul presente perché i tre punti in palio tra poco rappresentano tantissimo specialmente per il morale. L’equilibrio che c’è nel girone non permette calcoli o pronostici. Ogni domenica la classifica viene stravolta e allora per evitare sorprese meglio vincere e non curarsi degli altri.