Il Volturno conclude in bellezza battendo il Cosernuoto

Alessandra Ventriglia, portiere del Volturno para un rigore a Tortora

Il Volturno chiude la stagione regolare di Serie A2 femminile di pallanuoto, girone Sud battendo a domicilio il Cosernuoto Civitavecchia per 15-10. Le gialloverdi toccano così i 51 punti in classifica, frutto di 17 vittorie ed una sola sconfitta. Sconfitta col Castelli Romani che è costata anche oggi le farneticazioni e le accuse insensate da parte del poco sportivo ed evidentemente poco educato pubblico del Coser che ha beccato anche pesantemente giocatrici e allenatore del Volturno. Nonostante il comportamento poco elegante sugli spalti le ragazze di coach Napolitano si sono imposte nettamente senza spingere più di tanto e gestendo le forze, data l’assenza della Gaudiano. Il primo quarto vede il Volturno imporsi per 3-2: Mangiola sblocca il risultato per le locali, Giuliani pareggia poco dopo e Masciandaro firma il sorpasso. Mangiola fa doppietta e pari, ma De Simone riporta sopra le sammaritane. Stesso copione del secondo tempo. De Simone allunga sul +2, Starace finalizza al meglio una controfuga, prima della rete della Cattaneo (3-5 Volturno). Masciandaro pesca un altro gol della distanza. Polemiche ed insulti a raffica alla Pellegrino per aver provato una ‘beduina’ su rigore finito alta. L’accusa? Poca sportività (da che pulpito poi…). Fosse andato dentro, sarebbe stato il gol dell’anno e coronamento di una grandiosa stagione per la nazionale ’94 gialloverde. Mameli, poi fa bottino grosso all’ultimo secondo del quarto (4-6). Il terzo tempo si apre con un rigore parato da Ventriglia (il sesto stagionale) a Tortora, che dopo poco segna su azione. Starace sigla la sua marcatura numero 70, prima dell’uomo in più sfruttato al meglio dalla Mameli (6-7). Giuliani in superiorità allunga di nuovo per il Volturno, ma Tortora punisce le sammaritane sempre in superiorità. De Simone su rigore non sbaglia (26 reti per lei), ma la Tuscolano trova l’8-9 con una deviazione della difesa ospite. Ultimo quarto di accademia per il Volturno, con le locali che calano e così nel 6-2 di parziale le ‘spartane’ vanno in gol con Masciandaro (26esimo gol anche per lei), Valkai su rigore, Starace per 2 volte, Di Monaco su rigore per il primo gol in A2 e ancora con Bozse Valkai. Per il Coser a referto ancora Cattaneo e Gabelli. Finisce 15-10 per il team di Terra di Lavoro che chiude al primissimo posto nel girone Sud della cadetteria. Questi gli altri risultati di giornata: Castelli Romani-Acquachiara Napoli 12-9, Posillipo-Gifa Palermo 8-4, Roma PN-Blu Team 10-7, Serapo- Racing Roma 8-6. La classifica è, invece, la seguente: Volturno 51, Serapo 39, Roma PN 34, Racing Roma e Blu Team Catania 31, Castelli Romani 21, Cosernuoto 19, Posillipo 18, Gifa Palermo 10, Acquachiara Napoli 5. Il Volturno vola in finale play-off, dove troverà la vincente della semifinale del girone Nord tra Prato e Tolentino. Semifinale play-off anche per Serapo e Roma, che batte il Blu Team nello scontro diretto e approfitta dello scivolone col Serapo del Racing Roma. In finale una delle 2 squadre incontrerà il Firenze. Retrocedono in B l’Acquachiara nel girone Sud e Milano nel girone Nord. Semifinali play-out, invece, saranno Posillipo-Gifa Palermo e Livorno-Locatelli.

Cosernuoto   10

Volturno S.C.   15

(2-3, 2-3, 4-3, 2-6)

Cosernuoto: Fraticelli, Pipponzi, Bruno, Cattaneo 2, Tortora 2, Cicoria, Mangiola 2, Billi, Mameli 2, Di Giacinto, Tuscolano 1. All. Cattaneo

Volturno: Ventriglia, Valkai 2 (1r), De Cicco, Starace 4, Giuliani 2, Pellegrino, De Simone 3 (1 r), Ciampichetti, Masciandaro 3, Di Monaco 1 (1r), Stellato. All. Napolitano

Arbitro: Sardellitto

Superiorità: Cosernuoto 3/8, Volturno 5/11

Note: coach Cattaneo ammonito nel secondo tempo. Cicoria uscita per raggiunto limite di falli gravi a 5’31” del 4°T. Pellegrino sbaglia un rigore a 2’32” del 2°T. Ventriglia para un rigore a Tortora a 7’42” del 3°T.