Il Clan chiude con una sconfitta ininfluente

Il tecnico del Clan Paolisso, ieri in meta contro il Nuceria

Non chiude in bellezza la stagione regolare il Clan Santa Maria Capua Vetere nell’ultimo turno di Serie C di rugby, girone campano. Con una formazione rivoluzionata nel XV di partenza i sammaritani, con la testa già ai play-off, perdono col Nuceria 15-7, incassando il secondo stop dell’anno e chiudendo con 87 punti il campionato a soli tre punti dal Salerno che ha chiuso con 84 punti. I gialloblù con Francesco Di Rienzo ufficialmente a fare le veci di Paolisso, nelle vesti anche di giocatore, si è schierato con una formazione sperimentale con con gli esordi in terza linea di Riccio e Bonavolontà, entrambi di 18 anni e con le 2 ali Del Vecchio e Andrea Di Tella (17enni per i quali c’è stato bisogno del nulla osta della federazione arrivato solo sabato sera). In più come esteremo si è rivisto dopo due anni di assenza Daniele Delle Femine dopo un infortunio al ginocchio. Altre novità sono state Valerio Di Tella schierato ad apertura e Cosenza a tallonatore. Il primo tempo si è concluso sul 12-0 per il Nuceria che ha giocato un’ottima gara. Nella ripresa con i vari cambi e con l’ingresso di Alessio Villano c’è stato più ordine in campo ed è arrivata la meta proprio di Paolisso in moule a venti minuti dal termine, poi trasformata da Alessio Villano. Sul finire del match il Nuceria ha messo a segno un piazzato che è valso il 15-7 finale. Una sconfitta ininfluente ai fini della classifica, soprattutto con una formazione che definire sperimentale è poco. Paolisso, però, molto contrariato dalla prestazione dei suoi, dai quali si aspettava di più, non ha voluto rilasciare dichiarazioni a fine gara. Intanto si attende con ansia il sorteggio del primo turno play-off per capire dove si giocherà la prima gara con le Tigri Bari, se in casa o in trasferta. A breve dovrebbero effettuare il sorteggio in federazione.