Primo stop interno per il Casagiove

Primo stop interno per i giallorossi di Mister Casaccio. Il vero protagonista di questo match è il nervosismo. Interruzioni continue, falli e infortuni, discussioni sempre sull’orlo di degenerare.

Parte meglio il Giugliano che passa in vantaggio già dopo dieci minuti a causa di un’autorete sfortunata di Vincenzo Sorgente. I giallorossi provano a reagire ma non riescono ad impostare il gioco, non sfruttano a dovere gli spazi e nemmeno le ripartenze concesse più volte dagli errori in fase di impostazione da parte degli avversari e arrancano palesemente in difesa. Al minuto 43 arriva il raddoppio dei gialloblù con il numero nove Cante. Il Casagiove è abile a non subire il contraccolpo psicologico, anzi a pochi secondi dal termine del primo tempo, Isernia trasforma un penalty concesso dal direttore di gara per un fallo di mani e mantiene i suoi in gara.

Nella ripresa Mister Casaccio prova il tutto per tutto effettuando subito tutti i cambi a sua disposizione. Ma i giallorossi si affidano per tutta la seconda frazione a lanci lunghi di dubbia utilità e i neo entrati Toscano e bomber D’Amelio (troppo isolati là davanti) non riescono ad essere pericolosi. La partita è spigolosa e nervosa, il gioco frammentato. Dopo cinque minuti di recupero D’Auria dice che può bastare e manda tutti sotto la doccia.  

Tutto invariato in vetta, il Casagiove resta quarto, i gialloblù di Mister Romano restano secondi a -4 dal Casavatore, ancora vittorioso in casa contro lo Sporting Qualiano.

Hermes Casagiove: Di Bernardo, Di Pippo, Guarino, Stabile, Sorgente, Masi, Laurenza (Toscano), Carta, Bottigliero (D’Amelio), Santoro (Oriano), Isernia. A disp: D’Angelo, Oriano, Criscuolo, Santonastaso, Simione, Toscano, D’Amelio. All. Enzo Casaccio.

Atletico Giugliano: Macri, Di Bernardo, Loreto, Tarallo, Castellano, Mattiello, Coppola, Marano, Cante, Mirra, Riccio. All. Romano.

Arbitro: D’Auria di Nocera Inferiore

Marcatori: 10’ p.t. aut. Sorgente, 43’ p.t. Cante, 46’ p.t. Isernia (rig.)

Note: ammoniti Tarallo, Castellano. Espulso Marano per doppia ammonizione. Spettatori 100 circa.

Enzo Santoro