Des Caserta: riparte la caccia al tricolore

Bianca Novelli in battuta

Con una sola variazione rispetto ai playoff 2009 (Legnano al posto delle Titano Hornets) prendono il via sabato le semifinali scudetto dell’Italian Softball League. In questo weekend si accenderanno i riflettori dei due diamanti lombardi, quelli di Bollate e Legnano, fra sette giorni trasferimento in Campania ed in Romagna, a Caserta e Forlì per le gare  che sceglieranno le finaliste. Il Des Caserta, che si è reso autore di un finale strepitoso in regular season (“Non abbiamo perso nemmeno una serie”, tiene a sottolineare il manager Enrico Obletter), conclusa al comando, è la favorita nel duello con il Sanotint Bollate. Le campionesse d’Italia, che hanno smaltito la delusione di Coppa Campioni (persa per aver subito sei punti in un inning nella finale contro le olandesi dopo nove vittorie di fila), si presentano al gran completo, con Mara Papucci (12-3, 1.53) e Anjelica Selden (5-0, 0.50) lanciatrici partenti. Lo skipper avversario, Luigi Soldi, ha invece grossi problemi in pedana, per le assenze di Greta Cecchetti, tornata a giocare in Usa, Debora Moretto e Tiffany Pagano. Toccherà quindi alla diciottenne Francesca Betti  (all’esordio nella post-season dopo 2,1rl in campionato) e a Kate Robinson (6-5, 1.30) sostenere la squadra. Obletter non si fida del Bollate: “E’ un avversario coriaceo, difficile da battere, nonostante alcune defezioni”. Una curiosità: nella prima parte della stagione il Bollate ha avuto la miglior pedana di lancio (1.86), seguito dal Caserta (1.92).