La Casertana chiude il “Caso Olcese”

Definitivo addio ad Emiliano Olcese dopo il pomeriggio di incontri al “Pinto”. Olcese arrivato nel primo pomeriggio, in concomitanza con l’inizio dell’allenamento di rifinitura, ha incontrato prima il dirigente Petrillo e poi ha avuto un faccia a faccia con il Presidente Sparaco. Alla fine decisa la risoluzione del rapporto. L’atteggiamento del calciatore non ha lasciato margini di trattativa, il rapporto già deteriorato da mesi è giunto così a conclusione. In effetti è stata la società a dare il benservito all’argentino mantenendo fino all’ultimo gli accordi di natura economica prefissati. Questa volta carte alla mano è stato dimostrato che l’atteggiamento di Olcese appariva sicuramente ingiustificato, viste le garanzie legali e “scritte” ricevute circa un residuo da percepire. Nessun dubbio a questo punto, ma non ne avevamo, sulla limpida posizione di Carlo Sparaco che ha forse cercato fino all’ultimo di avere un atteggiamento morbido e comprensivo rispetto alla problematica ma che alla fine ha dovuto prendere atto come, per il bene della società da lui presieduta, non era più ragionevole prolungare l’agonia di un rapporto apparso da tempo non più rinsaldabile e che diveniva sempre più deleterio per l’intero gruppo. Sparaco non ha rilasciato dichiarazioni ma ha fatto capire di essere rammaricato per il modo in cui si è concluso questa storia, che però rischiava sempre più di apparire come una farsa, anche perchè a questo punto, viste le carte, l’atteggiamento di Olcese appare davvero incomprensibile. D’altro canto la buona fede “provata” da Sparaco ha sicuramente dato un iniezione di fiducia al gruppo, il quale ha sicuramente ricevuto il segnale di una società che mantiene gli impegni fino all’ultimo anche in una situazione in cui avrebbe potuto forse far valere le sue ragioni.

L’amarezza sul volto di Petrillo la dice lunga sull’incontro non proprio idilliaco avuto con Olcese. Il Direttore Generale Errico Falocco ha solo sottolineato come tutte le decisioni intraprese rimangono in linea con l’atteggiamento avuto dalla dirigenza in questi anni, vale a dire fare l’interesse della Casertana, dirimendo una problematica che oramai aveva il sapore di un irragionevole braccio di ferro.

Il mister Vincenzo Feola da parte sua ha dichiarato che negli ultimi mesi ha tentato più volte di mediare tra le parti e di esserci a tratti riuscito, ma gli ultimi episodi hanno sicuramente reso vano anche quanto da lui fatto nelle precedenti occasioni di attrito.

Basta polemiche. Caso chiuso. Grazie ad Olcese per quanto fatto in rossoblù, con un rimprovero, a questo punto, di non averci saputo spiegare da dove nasceva questa sua vena polemica nei confronti di una società che alla fine lo ha smentito, nei fatti.

Domani incontro casalingo con la Turris, alle ore 14.30, stadio vietato ai torresi, per motivi di sicurezza, si spera di vedere più tifosi della Casertana ad incitare questo gruppo che nonostante tutto ha finora ben figurato. venite allo stadio, questo è il momento di stare vicini alla squadra e alla società, il futuro è anche in quanto sapranno dimostrare i casertani in termini di affetto e partecipazione alle vicende dei falchetti.