Roland Garros 2022: chi sono le rivali di Iga Swiatek?



È la stagione di Iga Swiatek, la sorprendente tennista polacca che, da fresca numero uno al mondo della classifica WTA dopo un’incredibile infilata di vittorie, ben 28, e già cinque tornei nelle sue mani dall’inizio del 2022 tra cui gli Internazionali d’Italia, arriva ora da favoritissima all’appuntamento dell’anno sulla terra rossa.

Campionessa nel 2020, a soli 19 anni, lo scorso anno non ha superato i quarti del torneo singolare femminile, mentre in doppio con Mattek-Sands raggiunge la finale per poi cedere alla coppia Siniaková-Krejčíková, quest’ultima attuale campionessa in carica degli Open di Francia.



 

Dal 22 maggio al 5 giugno in scena dunque il grande spettacolo parigino, che vede anche quattro italiane ai nastri di partenza: Lucia Bronzetti, Camila Giorgi, Jasmine Paolini e Martina Trevisan. Sarà interessantissimo scoprire come si comporteranno i bookmakers per le scommesse Roland Garros 2022, dopo anni che non si arrivava a Parigi con una favorita così spudorata. La scia di vittorie fa paura a tutte, ma anche la stessa Swiatek potrebbe sentirsi provata da una pressione psicologica e un’aspettativa così alta.

La sua ormai celebre psicologa dello sport, Daria Abramowicz, l’avrà senza dubbio preparata a reggere questo momento. Una figura essenziale, che la tennista polacca ha sempre riconosciuto non nascondendo mai l’importanza della salute mentale in uno sport che logora anche le migliori, vedi la grandissima Naomi Osaka o il ritiro inaspettato a 25 anni di Barty.

 

Ma ci sono possibili rivali allo strapotere di Iga? Battere l’erede femminile di Rafa Nadal, il paragone non blasfemo è di Andy Roddick, sembra quasi impossibile, ma la stessa detentrice del trofeo, Barbora Krejčíková al rientro dall’infortunio, ci proverà, come ci si aspetta dalla testa di serie numero due del tabellone. Oltre alla ceca, il torneo presenta le altre tenniste nella top ten, da Sakkari a Badosa, Collins, Pliskova e Sabalenka, tutte e nove strette nella classifica WTA tra 3000 e 5000 punti, con Swiatek a 7061.

Da tabellone, possibile emozionante quarto tra Badosa e Sabalenka, mentre la stessa Swiatek potrebbe incontrare sempre ai quarti la rivale Pliskova; Krejčíková potrebbe affrontare l’insidiosa Azarenka agli ottavi. Non c’è stato invece un sorteggio fortunato per l’italiana Bronzetti, costretta a vedersela subito contro Ostapenko, testa di serie numero 13. Molto più abbordabile il match di Giorgi, al primo turno contro Zhang, mentre Paolini incontrerà la rumena Begu e per finire Trevisan contro Dart.