IL GLADIATOR INTERROMPE IL DIGIUNO. I nerazzurri espugnano Ostia e tornano a vincere in campionato



Barone autore del gol contro l’Ostiamare (Foto Davide Gallo)

OSTIA –  Dopo quarantotto giorni di attesa, il Gladiator torna a vincere in campionato. I ragazzi guidati da Alessio Martino espugnano Ostia e si impongono 2-1 allo stadio “Anco Marzio” battendo i biancoviola di Gardini. Partita vivace soprattutto nel primo tempo nel quale i nerazzurri hanno avuto diverse occasioni tutte neutralizzate dall’ottimo portiere di casa Trovato prima del goal messo a segno da Barone che ha interrotto un digiuno durato sei gare. Nella ripresa, complice la stanchezza ed il campo appesantito dalla pioggia, sono i padroni di casa a spingere ma Ciampi con una zampata ha trovato il raddoppio. Nel finale thrilling i nerazzurri subiscono il goal da Vasco ma si difendono con le unghie e con i denti portando a casa tre punti pesantissimi.

PRIMO TEMPO. Ottimo approccio da parte dei ragazzi di Martino che iniziano a spingere sin dai primi minuti. Dopo due giri di lancette, Barone viene lanciato a rete e va al tiro col sinistro, il centravanti incrocia ma Trovato reagisce e con riflesso devia angolo. La pronta risposta dei romani arriva Al 10′ Bertoldi protegge palla e calcia da fuori, Sall si immola e devia, la sfera termina fuori alta sopra la traversa. La gara è vivace, dopo il quarto d’ora, Compagnone orchestra per Sabelli che dal limite va a giro, alto. Al 20′ Vitiello crossa in area per Strianese che impatta, ottimo intervento di Trovato  che ci mette la manona; sul capovolgimento di fronte cross di Bertoldi per la Mastropietro che di un soffio non ci arriva. Due minuti dopo, Camarà si appoggia a Lorusso che dalla distanza esplode il destro Merola blocca. Si va da una parte all’altra senza sosta, Tomi prova un sinistro velenoso dalla distanza Trovato vola a togliere il pallone dall’angolino e salva i suoi con un altro intervento prodigioso. Non c’è un attimo di sosta, al 24′ Galoppata di Lorusso per Bertoldi che la piazza dal limite Merola si fa trovare pronto e blocca. Superata la mezz’ora, il Gladiator in contropiede va vicinissimo al vantaggio, Strianese fa da sponda per Barone che la tocca a Di Monte che spara a salve ma ancora Trovato si erge a protagonista e respinge dimostrando di essere in una giornata di grazia, mani nei capelli per il giovane andato a botta sicura. Al 39′ gli sforzi nerazzurri vengono premiati, Strianese conquista palla a centrocampo e col sinistro vede il compagno di reparto Barone in profondità, l’attaccante ci arriva, si aggiusta il pallone e col destro incrocia sul secondo palo battendo Trovato per il goal del vantaggio. Esplosione di gioia di tutta la panchina sammaritana accorsa a festeggiare il 9 che torna al goal dopo sei giornate. In chiusura Barone in contropiede mette in mezzo per la corrente Dommarco anticipato all’ultimo da Sossai che evita lo 0-2.



SECONDO TEMPO. Martino decide di effettuare due sostituzioni e manda in campo il ristabilito Caruso ed il nuovo arrivato Dorato al posto di Di Monte e Vitiello. Nella ripresa la partita la fanno i padroni di casa però. Al 47′ Bertoldi con una galoppata si fa tutta la fascia destra e va ad incrociare dal limite, Merola ringrazia la dea bendata perchè la palla esce di qualche millimetro. Passano i minuti, da angolo al 66′ Sbardella colpisce in pieno la traversa e Sall allontana prima dell’arrivo di Bertoldi, vicinissima al pareggio l’Ostiamare. Sbardella non ci sta e al 70′ ci prova dalla distanza ma Merola ha idee diverse e smanaccia ancora salvando la porta nerazzurra. Quattro minuti dopo Cross dalla trequarti di Vasco per Lorusso che appostato sul secondo palo colpisce il pallone ma centra soltanto l’esterno della rete. Il Gladiator ha la chance per chiuderla prima all’82’ col contropiede di Passaro che dai venti metri manda fuori e poi un minuto dopo con Barone che viene lanciato a rete e solo contro Trovato deve arrendersi ancora al portiere che con un grandissimo tocco tiene a galla l’Ostia Mare ed evita lo 0-2. È il preludio al raddoppio, sul corner battuto, Trovato prima conquista la sfera e poi se la lascia sfuggire, sul rimbalzo si avventa Ciampi che impatta, la sfera colpisce la traversa e si deposita in rete per il goal della sicurezza, primo sigillo per il difensore nerazzurro che segna un goal pesantissimo. Nel finale, Sall atterra in area Sabelli, l’arbitro non ha dubbi ed assegna il rigore, Vasco va e spiazza Merola per il gol del’1-2 che accende il finale di gara. La difesa nerazzurra regge e dopo sette minuti di recupero il Gladiator vince 2-1 ottenendo il terzo risultato utile consecutivo che proietta i sammaritani al quattordicesimo posto con dodici punti, a più cinque dall’ultimo posto.

TABELLINO OSTIA MARE – GLADIATOR  1-2

OSTIA MARE (4-3-3): Trovato; Camarà, Sbardella, Sossai, Lazzeri; Compagnone (80′ Di Vilio), Sabelli, Vasco; Lorusso, Mastropietro (82′ Cardillo), Bertoldi: A Disposizione: Borrelli, Berardi, Vagnoni, Pacchiarotti, Sordilli, Bianciardi, Pellacani. Allenatore: Aldo Gardini

GLADIATOR (3-5-2): Merola; Ciampi, Tomi, Sall;Garzia, Di Monte (46′ Caruso), Vitiello (46′ Dorato), Dommarco (78′ Passaro), Marzano; Barone, Strianese. A Disposizione: Casillo, Della Valle, Esoosito Giovanni Di Dio, Esposito Ciro, Fischetti, Boiano. Allenatore: Alessio Martino

ARBITRO: Riccardo Fichera di Milano con assistenti Ivan Alexandrovic Denisov di Bari e Federico Mezzalira di Varese

RETI: 39′ Barone (G), 84′ Ciampi (G), 90′ Vasco su rigore (O)

NOTE Angoli 11-3, Fuorigioco 5-1, recupero nessun minuto nel primo tempo e 7 nella ripresa, Ammoniti: Caruso (G), Sossai (O), Garzia (G),


P