Diana valuta il suo futuro: “Ho ricevuto varie offerte, a breve deciderò”



Davide Diana

Dopo l’ultima stagione con la maglia dell’Albanova Calcio, il difensore classe ’94 Davide Diana sta valutando il suo futuro calcistico. In un’intervista rilasciata alla nostra redazione il calciatore ci svela i suoi programmi in vista del prossimo anno.

Dopo una stagione tra stop e ripartenza in cui comunque hai fatto la tua parte c’è ancora amarezza per il modo in cui tu e la tua squadra siete usciti dai play-off?



“L’amarezza è tanta, abbiamo fatto enormi sacrifici per raggiungere questi play-off, abbiamo lottato fino alla fine, però purtroppo prendere goal a partita ormai finita è stato bruttissimo, ma purtroppo il calcio è questo, sono episodi che condizionano una partita, o meglio, un anno calcistico”.

Ufficialmente i campionati di Eccellenza, Promozione e via dicendo dovrebbero ripartire. Credi che il Covid darà una tregua o a settembre ci sarà un nuovo stop?

“Purtroppo la situazione che stiamo attraversando non è semplice, la variante delta sembra voglia prendere ancora una volta il sopravvento, ma credo e spero che con l’aumento dei vaccini si possa arrivare a settembre nelle giuste condizioni per poter ripartire in sicurezza”.

Ci dici qualcosa sul tuo futuro? Hai già ricevuto delle proposte per l’anno prossimo?

“Per il futuro ci sono diverse proposte che sto valutando, nulla di concreto, anche perché diverse società sono ancora in fase di allestimento, ma penso che nelle prossime settimane si possa decidere il tutto. Cercherò di prendere una decisione che bene si interfaccia con i miei impegni sia di studio, come ben sai sto terminando il mio percorso di laurea specialistica, e sia lavorativi in quanto da quest’anno avrò anche questo tipo di problematica”.

Secondo te sarà possibile in caso di ripresa almeno un’apertura parziale degli stadi, magari per coloro che sono vaccinati e hanno il green-pass?

“Il calcio senza tifosi non è calcio. Io penso che con le giuste condizioni di sicurezza, ci possano essere le condizioni per poter riaprire gli stadi ai tifosi, che per quanto mi riguarda è un passo importantissimo. Magari permettere l’accesso solamente a tifosi vaccinati muniti di green pass”.