LA FUMATA BIANCA. Il presidente del Tre Pini Pepe: “Titolo ceduto al Real Aversa. Mondragone? Fatte le nostre valutazioni, abbiamo dato continuità ad un club vincente”

Marcellino Pepe, Claudio Buono e Massimo Savoia

PIEDIMONTE MATESE / AVERSA – In un pomeriggio di inizio estate il Real Aversa acquista il titolo di Serie D del Tre Pini Matese. Allo stadio “Pasqualino Ferrante” di Piedimonte Matese le due parti si sono incontrate per mettere nero su bianco il passaggio (CLICCA QUI PER LEGGERE L’UFFICIALITA’). E’ lo stesso presidente matesino Marcellino Pepe a consegnare la D al team granata: “La trattativa è conclusa positivamente. Oggi ho avuto un incontro con l’avvocato Ferrandino, Claudio Buono e Massimo Savoia ed abbiamo raggiunto l’intesa, firmando tutte le carte burocratiche. Dopo alcuni giorni di negoziazione, oggi possiamo dire che è ufficiale il trasferimento del titolo da Piedimonte Matese ad Aversa. Il titolo è stato donato, infatti ci sono solo delle pendenze di cui si è preso carico il team granata”.

LA VALUTAZIONE. Il massimo dirigente, figura di spicco del nuovo club F.C. Matese insieme al presidente Luigi Rega, ha optato per il proseguimento del titolo, insieme ai suoi collaboratori del Tre Pini, e quindi ha trovato l’accordo con il presidente normanno Guglielmo Pellegrino: “Abbiamo scelto di far continuare un titolo che ha più di quindici anni, con due campionati conquistati, due Coppa Italia Regionali vinte consecutivamente, i play-off di campionato e di Coppa Italia Nazionale. Un entourage di Mondragone si era interessato ma abbiamo fatto le nostre valutazioni e quando abbiamo dovuto scegliere, abbiamo optato per il Real Aversa. Nella città normanna ho un pezzo di cuore, perché per un anno e mezzo ho lavorato lì e ho tante amicizie. Quest’anno avversari? Potrebbe essere ma forse per questione di territorialità capiteremo nel girone F. Per la parte di Mondragone mi dispiace ma è stato frutto di una scelta”.

L’UNIONE. Infine Marcellino Pepe si sofferma sull’inizio dell’esperienza F.C. Matese: “Siamo orgogliosi di aver creato questo nuovo progetto. Anche se è arrivata l’ufficialità dell’ammissione del Tre Pini Matese in Serie D, non abbiamo mai pensato di fare la “quarta serie” da soli, perché non abbiamo mai avuto le forze per poter fare uno sforzo del genere, per cui il progetto F.C. Matese è andato ancora più forte, con maggiore vigore. Come dice il proverbio “quando la nave ha lasciato il porto, non si torna più indietro”. Polemiche? Tutto rientrato con chi è ancora scettico sul progetto, tutti si ricrederanno in poco tempo”.