IL GLADIATOR COMPIE L’IMPRESA. Con una reazione straordinaria nella ripresa frena la capolista

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Cuore, grinta e coraggio. Sono queste le armi con le quali il Gladiator ha frenato la corsa della capolista Bitonto regalandosi una domenica perfetta, con una rimonta da batticuore. Allo stadio “Mario Piccirillo” arriva la squadra che ha subito fin qui meno goal in tutto il campionato, soltanto sei, ma i ragazzi del tecnico Borrelli non si spaventano e riescono a mantenere un certo equilibrio per la prima mezz’ora. Dopo il doppio svantaggio, nell’ultimo quarto di gara i neroazzurri rimontano con due goal  che fissano il punteggio sul 2-2 finale e conquistano un punto che vale oro nella lotta salvezza.

PRE PARTITA – In occasione del ritorno al “Piccirillo” il tecnico dei sammaritani Pasquale Borrelli effettua alcuni cambi rispetto al pareggio di Altamura. In porta confermato De Lucia, nel 3 -5-2 in difesa ci sono Ioio, Maraucci e Sall, mentre la fascia sinistra è affidata al nuovo arrivato ex Castrovillari Grimaldi. Vitiello torna ad amministrare il centrocampo insieme a Di Pietro e Capone, sulla destra Gennaro Troianiello. In avanti la coppia Di Paola – Del Sorbo. I neroverdi allenati da Roberto Taurino invece scendono in campo con un 3-5-2 e la coppia d’attacco formata da Lattanzio e Patierno.

IL PRIMO TEMPO. Le due squadre si studiano molto nei primi minuti e le conclusioni latitano. Al 14′ il Bitonto si affaccia per primo in avanti con Patierno che riceve palla da un lancio di Biasion, l’attaccante aggancia e calcia ma il tiro termina fuori. Due minuti dopo Turitto da fuori replica ma la mira è imprecisa. Al 26’ sono ancora gli ospiti protagonisti con Colella che crossa dalla sinistra per Lattanzio che colpisce il pallone e lo indirizza verso la porta, De Lucia ci mette il piede e devia con un grande intervento in angolo. Poco dopo la mezz’ora Gargiulo lancia Lattanzio in profondità, la punta arriva prima del pallone e perde un tempo di gioco, Sall lo disturba e la conclusione è strozzata sul fondo. Il Bitonto dimostra di saper amministrare il gioco e concretizza presto il predominio territoriale.  Al 42’ la gara si sblocca: punizione dai 28 metri per i neroverdi, Marsili si incarica della battuta e calcia un bolide indirizzato nel sette ma la palla sbatte  sulla traversa, Turitto è il più lesto di tutti ad insaccare a porta vuota e porta gli ospiti in vantaggio. Fortissima la punizione calciata da Turitto che oggi è stato uno dei migliori in campo, il primo tempo si chiude 0-1.

IL SECONDO TEMPO. Il Bitonto resta concentrato anche ad inizio ripresa e dopo appena due minuti trova il raddoppio. Punizione dalla sinistra di Marsili, la sfera passa tra un nugolo di gambe e trova Colella che appostato sul primo palo indisturbato  insacca lo 0-2. Il goal subito sembra spezzare le gambe al Gladiator che fino a quel momento non aveva brillato per costruzione e mole di gioco offensivo. Borrelli manda nella mischia Di Finizio al posto di Troianiello e al 63’ si riaccende la speranza. Punizione di Vitiello dalla sinsitra, Maraucci di prima intenzione colpisce la sfera di controbalzo e con un’acrobazia perfetta supera Figliola che non può fare altro che raccogliere la palla in rete. Gesto tecnico pregevole del difensore che riaccende le speranze dei neroazzurri e riapre un match che sembrava chiuso. Al 71’ Vacca, da poco entrato, ci prova ma conclude a lato, un minuto dopo Patierno riceve palla e dalla trequarti calcia di collo piede verso la porta, la conclusione sfiora la traversa e De Lucia controlla bene. Il Gladiator ritrova coraggio ed arrembante si spinge in avanti alla ricerca del pari. Al 77’ l’obiettivo diventa realtà e la rimonta è servita: Sall batte una rimessa laterale per Vitiello che crossa al centro, Del Sorbo spiazza di testa per Di Finizio che interviene al volo e gonfia la rete. Esplode l’intero stadio e Borrelli entra in campo per festeggiare, euforico per un pareggio insperato e per la reazione dei suoi capaci di rimontare due goal alla capolista. Due minuti dopo l’allenatore neroazzurro protesta per una rimessa laterale non concessa e viene espulso, in panchina lo sostituisce di Pietro. I minuti finali si giocano sul filo della tensione e il Gladiator si rigetta ancora in avanti ma il Bitonto chiude ogni spazio e cerca di ripartire in contropiede. Dopo cinque minuti di recupero la sfida termina 2-2 e tutto lo stadio applaude la prestazione dei neroazzurri che hanno tenuto testa al Bitonto riuscendo a perforare la difesa neroverde che fin qui aveva subito solo sei reti. Con questo pari il Gladiator resta al tredicesimo posto a quota 21 punti ma può sperare e ripartire da qui per risalire la china in classifica.

TABELLINO GLADIATOR – BITONTO 2-2

GLADIATOR: De Lucia, Landolfo, Grimaldi (75′ Rekik), Vitiello (90′ Prevete), Maraucci, Sall, Troianiello (56′ Di Finizio), Capone, Del Sorbo, Di Paola (59′ Sorrentino), Di Pietro (75′ Pantano). A disposizione: Cappuccio, Ioio, Di Monte, Andreozzi. Allenatore: Pasquale Borrelli

BITONTO: Figliola, Terrevoli (82′ Pierno), Colella (54′ Amelio), Marsili (59′ Vacca), Lomasto, Gargiulo, Piarulli, Biason, Patierno, Lattanzio, Turitto (90′ Merkaj). A disposizione: Zinfollino, Montrone, Gagliardi, Foufuè, Bolognese. Allenatore: Roberto Taurino

RETI: 42′ Turitto (B), 47′ Colella(B), 64′ Maraucci (G), 77′ Di Finizio (G)

ARBITRO: Gilberto Gregoris di Pescara, assistenti: Marco Giudice di Frosinone e Danilo Giacomini di Viterbo

NOTE – Ammoniti: De Lucia (G), Vitiello (G), Maraucci (G); Marsili (B), Lomasto (B), Biason (B), Patierno (B)

Recupero: nessun minuto nel primo tempo, 5′ min nel secondo tempo,. Angoli: 5-4; fuorigioco: 2-2  Spettatori: 500