Casertana incerottata anche nel derby, Ginestra: “Dobbiamo superare tutti insieme le difficoltà. Domenica la differenza possono farla i nostri tifosi”

Mister Ginestra (Foto Giuseppe Scialla)

Derby con l’Avellino molto atteso da entrambe le tifoserie. La Casertana ha ultimato oggi la rifinitura al termine della quale si è presentato mister Ginestra per presentare la sfida di domenica. Out Cavallini (stiramento), Castaldo (che oltre alla febbre non ha smaltito l’infortunio alla caviglia), Lezzi ne avrà per trenta giorni mentre Zito se verrà convocato sarà solo per dare manforte ai compagni dal punto di vista morale. Recuperano invece Silva e Caldore che saranno regolarmente in campo. Dunque in attacco praticamente scelte obbligate per il tecnico che dovrà rinunciare anche allo squalificato Laaribi. “Non mi va neppure di parlare degli infortunati. Da quando siamo andati sul sintetico non ho più avuto la rosa a disposizione. Forse saranno i sessanta chilometri al giorno per andarci ad allenare tra l’altro alle 14 del pomeriggio. Tutti fattori che possono influire sui tanti infortuni. Non sto allenando come mi piacerebbe allenare, come abbiamo fatto in ritiro. Il problema c’è e stiamo cercando di risolverlo, d’altra parte siamo in serie C e non in A. E’ impossibile allenarsi al Pinto e questo ci crea non poche difficoltà. Domani mi aspetto la gente che potrà darci una mano sotto ogni aspetto. Domenica a Reggio Calabria c’è un’intera città che spinge la squadra e vorrei che ci fosse lo stesso calore anche a Caserta. Con l’Avellino sarà una battaglia calcistica e sarà una partita in cui potrà vincere chi avrà qualcosa in più a livello motivazionale. Se abbiamo voglia di andare oltre le problematiche che stiamo incontrando potremmo farcela. L’Avellino è una squadra di valore e che gioca un buon calcio. Non è un momento semplice per entrambi e sarà difficile. Capuano non lo devo presentare io, espertissimo e sa ben allenare le sue formazioni. Abbiamo molto da perdere perchè giochiamo in casa nostra e dobbiamo necessariamente vincere. La classifica? Ci mancano due punti ma siamo in linea con il nostro programma e gli obiettivi prefissati. Siamo a due lunghezze dai playoff ma a più quattro sui playout. Questa squadra se sta bene si diverte e fa divertire. Nelle difficoltà bisogna compattarci e dare tutto per il bene della Casertana”. Scelte tecniche obbligate per il tecnico che ha già soluzioni alternative: “Senza Cavallini, Castaldo e con Floro Flores che non possiamo rischiarlo su un campo così pesante sicuramente cambieremo qualcosa sia in termini di uomini che moduli. Il nostro obiettivo sarà quello di concludere il girone di andata tra i 23 e i 24 punti per poi ripartire con una base solida nel girone di ritorno. Questa e contro la Paganese dovremo assolutamente vincere perchè sono scontri diretti da non fallire”.