Cinque assenti, Casertana a pezzi contro la Reggina. Ginestra fa coraggio ai suoi: “In campo con lo stesso spirito ma me la sarei voluta giocare alla pari”

Ginestra allenatore della Casertana (Foto Giuseppe Scialla)

Una Casertana molto più che incerottata partirà oggi alla volta della Calabria. Ben cinque assenti per mister Ginestra che oltre a Silva non potrà contare su Castaldo, Caldore, Zito e Lezzi. Cinque assenze che costringeranno il tecnico Ginestra a scelte obbligate e forse anche cambi di modulo. “Non lo escludo – ha detto in conferenza – proprio perchè siamo contati. Lo spirito sarà quello di sempre anche senza tanti giocatori assenti. Ma abbiamo dimostrato tante volte che possiamo fare bene. Ammetto che tutte queste defezioni non me le aspettavo, ma non voglio parlare di chi non ci sarà. Sappiamo che affronteremo una Reggina molto forte e punto tutto su chi ci sarà perchè sappiamo che possiamo giocarcela. Adatteremo alcuni giocatori in ruoli non loro ma come ad esempio ha fatto Santoro in difesa anche gli altri riusciranno a fare bene. Il momento è quello che e bisogna sapersi adattare. Recuperiamo Rainone che è convocato ma non so se gioca perchè doveva tornare a disposizione la prossima settimana. Abbiamo deciso di accorciare i tempi e valuteremo se eventualmente impiegarlo. In effetti siamo numericamente davvero pochi”. La capolista non vuole fare sconti e il mister ne è consapevole “E’ una delle favorite per la B, anzi credo sia la favorita. D’altra parte una squadra che fin qui è imbattuta, miglior difesa e uno dei migliori attacchi del girone non può che puntare molto in alto. L’eliminazione dalla Coppa Italia è solo un caso. Anzi li troveremo ancora più agguerriti e vogliosi di riscatti. Li troveremo agguerriti ma anche noi non saremo da meno”. Senza Castaldo pronto nuovamente Floro Flores: “Giocare fa bene a tutti ma Antonio non ha più di quaranta minuti nelle gambe. Parlerò con lui e valuteremo come gestirlo. Sicuramente non può giocare l’intera gara. Ha avuto voglia di mettersi in mostra, ha bruciato le tappe per il rientro e ci fa piacere averlo di nuovo con noi. Lui è una scintilla che deve scattare, lo ha fatto domenica e mercoledì e speriamo continui a farlo. Conosciamo le sue potenzialità ma dipende da lui”.