GLADIATOR, CHE REAZIONE D’ORGOGLIO! I neroazzurri tengono testa alla Fidelis Andria

L’esultanza di Del Sorbo dopo il gol

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Termina con il risultato di 1-1 la sfida tra Gladiator e Fidelis Andria nella gara valevole per la terza giornata del campionato di serie D girone H. Allo stadio “Piccirillo” i neroazzurri dei presidenti Mattia Aveta e Giacomo De Felice reagiscono subito allo svantaggio e portano a casa un punto prezioso contro la blasonata formazione pugliese. Buona la prova di entrambe le squadre che hanno dato vita ad una sfida molto avvincente specialmente nella prima frazione di gioco nella quale sono state realizzate entrambe le reti. Nella ripresa sia i neroazzurri che gli ospiti hanno provato in tutti i modi a vincere la sfida ma il risultato non è cambiato.

PRE PARTITA – Borrelli decide di cambiare ben tre pedine rispetto alla sfida di Bitonto di domenica scorsa. Tra i pali c’è De Lucia al posto di Zagari, mentre a centrocampo finiscono in panchina Ziello e Vitiello, dal primo minuto ci sono Pesce e Pantano. In avanti il trio consolidato formato da Di Paola, Di Pietro e dal bomber Del Sorbo.

IL PRIMO TEMPO – Nei primissimi minuti le due squadre cominciano a studiarsi ma appaiono nervose, vengono ammoniti subito Pantano e Cipolletta per interventi duri. Al quarto d’ora si stappa il match e le due squadre danno soettacolo. Gli ospiti imbastiscono una grande azione corale tutta di prima intenzione ed al primo tentativo bucano la difesa samaritana. Fulminea la ripartenza di Petruccelli che lancia Montemurro in profondità, il calciatore di prima serve Palazzo che ben appostato al limite dell’area lascia partire un destro rasoterra che beffardo si infila alle spalle di De Lucia per il gol del vantaggio. La reazione del Gladiator è rabbiosa ed immediata. Passano appena tre minuti ed i neroazzurri pareggiano su calcio piazzato. Di Paola batte una punizione dalla trequarti, Antonio Del Sorbo anticipa tutti e con un’ incornata buca il portiere ospite Segantini per il gol del pareggio. Terzo gol in tre partite disputate al Piccirillo per l’attaccante neroazzurro. Le due squadre giocano a viso aperto e non c’è un minuto di tregua. Al 19’ Palazzo in area piccola ha l’occasione di segnare la sua doppietta personale ma De Lucia compie un miracolo e stoppa la conclusione deviando in angolo. Di Paola al 21’ mette al centro per Pesce cha da buona posizione calcia alto. Cinque minuti più tardi sono ancora i padroni di casa a sfiorare il vantaggio, Di Paola è una furia sulla fascia e risulta spesso imprendibile, l’attaccante supera due avversari e mette al centro per la corrente Di Finizio che calcia ma non inquadra la porta. Al 34’ si ripropongono in avanti gli ospiti, punizione dal limite della quale si incarica Cristaldi, il numero nove calcia rasoterra ma De Lucia è bravissimo a distendersi sulla propria sinistra e a mandare la sfera in calcio d’angolo. È l’ultima azione del primo tempo che termina in parità

IL SECONDO TEMPO – Senza sostituzioni prende inizio la ripresa. Al 50’ Di Paola ha una buona occasione con una punizione appena fuori il limite dell’area di rigore ma la conclusione dell’attaccante viene ribattuta dalla barriera. Quattro minuti dopo Di Finizio mette Pesce nelle condizioni di tirare dal limite dell’area ma il centrocampista apre troppo il piatto e spedisce il pallone alto sopra la traversa. Al 60’ Borrelli decide di lanciare nella mischia Aniello Vitiello che prende il posto di Nicolas Pesce. Ritorno in campo per il centrocampista che è partito dalla panchina in via precauzionale a causa dell’infortunio d domenica scorsa a Bitonto. Il secondo tempo è meno frenetico del primo ma le occasioni non faticano ad arrivare. Al 61’ i pugliesi si riversano in avanti, Palazzo calcia in area ma Sall è determinante a stoppare il tiro che termina docile tra le braccia di De Lucia. Lo stesso difensore poco dopo si getta in avanti e su corner fa da sponda per Maraucci che non ci arriva per un soffio. Gli ospiti rispondono colpo su colpo e al 66’ creano ancora un’occasione con l’inesauribile Palazzo che calcia da buona posizione ma la risposta di De Lucia è pronta e l’azione sfuma. Per dare più freschezza al centrocampo Borrelli decide di mandare in campo Marzano al posto di Di Finizio. La Fidelis Andria appare più fresca fisicamente e c’è bisogno ancora di un buon intervento di De Lucia per evitare il peggio al 71’ quando il portiere vola per bloccare il colpo di testa di Kosnic. A dieci minuti dal termine sono vibranti le proteste del Gladiator con il direttore di gara per un contatto tra Del Sorbo e Montemurro giudicato regolare. All’84’ sono ancora gli ospiti a rendersi pericolosi con Tedesco che raccoglie palla ed al limite dell’area calcia angolato ma De Lucia è bravissimo a deviate ancora una volta in corner. Nonostante i cinque minuti di recupero il risultato non cambia e la sfida termina in parità. Buon pareggio per il Gladiator che riscatta in parte la sconfitta di Bitonto e si porta a quattro punti in classifica. Può ritenersi soddisfatto il tecnico dei neroazzurri Pasquale Borrelli per la prestazione della squadra che ha saputo tenere testa ad una squadra organizzata come la Fidelis Andria. Primo punto in campionato per la Fidelis Andria che ha disputato una buona partita al Piccirillo.

TABELLINO GLADIATOR FIDELIS ANDRIA 1-1

GLADIATOR: De Lucia, Pantano, Andreozzi (77’Odjé), Pesce (60’ Vitiello) , Maraucci, Sall, Landolfo, Di Finizio (73’ Marzano) , Del Sorbo, Di Paola(80’Guida) , Di Pietro. A disposizione: Zagari, Ioio, Di Monte, Varriale Vincenzo, Celentano. Allenatore: Pasquale Borrelli.

FIDELIS ANDRIA: Segantini, Zingaro, Montemurro (86’ Bedin) , Porcaro (73’ Di Filippo) , Della Corte (80’Banegas ) , Cristaldi (62’Tedesco), Kosnic, Petruccelli, Palazzo, Catalano, Cipolletta. A disposizione: D’Andrea, Massa, Gava, Varriale Antonio, Muratore. Allenatore: Giancarlo Favarin

RETI: 14’ Palazzo (F), 17’Del Sorbo (G)

ARBITRO: Giorgio Bozzetto di Bergamo, (assistenti: Massimiliano Starnini di Viterbo e Andrea Pasqualetto di Aprilia)

NOTE – Ammoniti: Pantano, Di Pietro, Del Sorbo(G), Cipolletta, Kosnic, Montemurro(F)

Recupero: nessun minuto nel primo tempo e cinque minuti nella ripresa