Stadio Bisceglia, il Real Agro Aversa: “Tariffe orarie assurde, niente allenamenti. Faremo solo le gare”

Una veduta dello stadio Bisceglia di Aversa

Stamattina è stato pubblicato, sul sito istituzionale del Comune di Aversa, l’avviso pubblico per la concessione, in uso annuale, dei campi di calcio presenti nell’impianto sportivo del ‘Bisceglia’. La dirigenza della società del Real Agro Aversa, nella persona del presidente Guglielmo Pellegrino, si dice soddisfatto “della celerità della pubblicazione dell’avviso” ma dopo una accurata riflessione Pellegrino sottolinea che “la società del Real Agro Aversa ritiene impossibile poter svolgere tutti gli allenamenti settimanali e la gara domenicale, oltre alle attività di settore giovanile, sui manti erbosi del ‘Bisceglia'”.
Sì perché l’amministrazione comunale, nell’avviso pubblico, ha semplicemente ribadito che sarà applicata la tariffa d’uso approvata con deliberazione del commissario straordinario, la numero 51 del 19 marzo 2019, e cioè per ogni ora di utilizzo la società dovrà sborsare 200 euro. “Calcolando 24 ore settimanali per 11 mesi arriviamo ad una cifra folle di oltre 2,7 milioni di euro (considerando il campo a 11 a 200 euro, il campo a 8 a 100 euro l’ora e il campo a 5 a 50 euro l’ora, per un totale di 350 euro all’ora per tutto l’impianto) – dice Pellegrino -, una cifra spropositata rispetto alle nostre possibilità”.
Ma questo non significa che non ci sarà calcio ad Aversa: “L’unica decisione che possiamo prendere, dando uno sguardo anche alle nostre casse, è che tutti gli allenamenti, con relativo settore giovanile e scuola calcio, saranno fatti su strutture di Comuni vicini che hanno dato la piena disponibilità degli impianti di proprietà comunale. Come Real Agro Aversa disputeremo però le nostre gare casalinghe allo stadio ‘Bisceglia’ per venire anche incontro alla città che potrà seguire la squadra del proprio cuore tra le ‘mura amiche’ ma anche per venire incontro all’amministrazione, che noi tanto abbiamo sostenuto in campagna elettorale, che praticamente non perderà il calcio”.
Il presidente Pellegrino poi ringrazia “l’assessore delegata allo Sport per la disponibilità in via ‘eccezionale’ del ‘Bisceglia’ nel mese di agosto per gli allenamenti” ma allo stesso tempo chiede di sapere “se comunque sarà richiesto il pagamento di 200 euro l’ora per l’impianto, perché se così fosse andremmo a spendere 15mila euro per 15 giorni di allenamenti, cosa che non possiamo permetterci in questo momento storico della società. Ma siamo sicuri che l’amministrazione essendosi messa a disposizione (così come riferisce l’assessore) della nostra società troverà una soluzione che sia condivisa da ambo le parti per il bene dello sport”.
Ritornando alle tariffe orarie Pellegrino in chiusura ribadisce al sindaco Alfonso Golia di essere “disponibile anche a spendere 200 euro l’ora per il giorno della domenica, a patto che, così come prevede la normativa vigente, tutta la manutenzione ordinaria del manto erboso così come di spogliatoi e spalti sia di competenza dell’Ente. Siamo disponibili a prendere in ‘affitto’ per poche ore il campo sportivo per le sfide di Promozione, purché il ‘Bisceglia’ sia un gioiellino di cui andare fieri noi come società che come amministrazione”. E quindi in chiusura Pellegrino chiede un “incontro pubblico col primo cittadino, magari aperto al pubblico in Municipio, per far sì che si ribadiscano i fondamentali valori dello sport e per mettere a tacere voci infondate e diffamatorie di presunti ‘malumori’ tra società, giunta e l’intera maggioranza”.