Bove-Volturno ritorno al futuro. Gialloverdi pronti all’esordio con tante novità: “Sarà l’anno zero, onorato di sedere su questa panchina”

Luigi Bove neo allenatore del Volturno (Foto Giuseppe Scialla)

Prenderà il via sabato il campionato di pallanuoto serie C maschile che nel girone Campania-Lazio vedrà ai nastri di partenza ancora Volturno e Circolo Villani. In casa gialloverde si è totalmente cambiata strategia rispetto le ultime stagioni. La panchina è stata affidata a Luigi Bove che dopo il grande lavoro svolto negli anni precedenti a San Prisco avrà l’opportunità di ritornare da dove era partito. Il figlio del grande Mario torna così a Santa Maria Capua Vetere dove aveva mosso i primi passi e imparato ad amare uno sport che era già nel suo dna e lo avrebbe accompagnato per il resto della vita. Emozione, adrenalina e idee chiare per il neo allenatore: “Torno a casa, in un club dove sono cresciuto e che a distanza di anni ha tanta voglia di ripartire esattamente come me. Devo ringraziare Antonio Tatavitto, mio amico fraterno e il presidente Pino che mi hanno voluto fortemente. Il progetto è molto semplice: è l’anno zero, ricominciamo dalle basi”.

Sarà dunque un Volturno tutto made in Santa Maria Capua Vetere e dintorni. Basta con prestiti alternativi e giocatori provenienti da fuori provincia. La rosa è composta da Alessio Russo, Luigi Foniciello, Paola Abbate, Alessandro Chiodelli, Luigi Micco. E ancora Gazzi, Tatavitto, Davide Piccerillo, Marco Buonanno, Maicol Iannotta, Francesco Di Mauro, Cristian Guerriero, Antonio Ferrara, Elton Llajca, Claudio Letizia, Davide Angrisano e Andrea Merola. Bove ritrova Russo, Foniciello, Buonanno, Di Mauro e Letizia. Ha ‘ripescato’ qualcuno che aveva deciso di allontanarsi riaccendendo il sacro furore agonistico in ogni ragazzo. “Sono, anzi siamo giovani – continua il trainer – e abbiamo molta strada da fare. Con la società siamo d’accordo sul progetto giovani. Investiamo sulle risorse del nostro territorio perché il Volturno storicamente ha sempre avuto un grande vivaio e un serbatoio naturale per la prima squadra. Allenerò tutti ragazzi vogliosi, talentuosi e dal grande potenziale. Sono qui per rifondare e assicurare un futuro vincente a questo glorioso club”.

Si parte subito contro una big, l’Ischia: “Il calendario non è stato benevolo perchè affronteremo una candidata alla promozione. Non sarà un problema perchè scenderemo in acqua sempre con la stessa mentalità indipendentemente dall’avversario”.

Luigi riprende così un discorso lasciato molti anni fa dal papà Mario. Torna in una piscina che ha visto crescere tanti campioni o semplicemente ottimi pallanuotisti. “La passione, la grande voglia di crescere insieme ci spingerà verso traguardi importanti, non subito è chiaro, ma nel corso degli anni. Mi hanno insegnato a costruire oggi per raccogliere domani senza fare troppi voli pindarici. Io sono pronto e per me è solo un onore sedermi su una panchina così importante, storica e gloriosa come quella del Volturno”. In bocca al lupo Gigi, tuo padre è fiero di te.